CEFALUSPORT
NOTIZIE sullo sport cefaludese

 HOME  scrivi a: info@cefalusport.it

RASSEGNA STAMPA DEL LUNEDì: ANNO 2015/16
Calcio, Volley, Basket, Automobilismo, Varie
Articoli tratti da: Il Giornale di Sicilia, La Gazzetta del Sud, La Sicilia

BASKET

 

 

Olympia Basket Canicattì – Virtus Trapani 46-66 (15-11; 33-21; 35-35)
Olympia Basket Canicattì: Falanga 21, Sferrazza 8, Curto 8, Salina 5, Manto 2, Drago 2, Milone, Guarneri, Donisi. All. Di Vita
Virtus Trapani: Schifano 9, Peraino 2, Sarro 7, Vultaggio 8, Perrone 18, Vitta 2, Solina 3, Somma 2, Savalli, Cardella, Campo. All.Cardillo.
Arbitri: Ferraro e Scalone
I

Con un ultimo quarto travolgente la Virtus Trapani espugna Canicattì ed ottiene il suo primo successo in campionato. Una partita dai due volti: nei primi due quarti i padroni di casa approcciavano meglio la gara e con una buona circolazione di palla in attacco sfruttavano facilmente il post basso dell’ottimo Falanga, stasera in gran spolvero con 21 punti segnati alla fine. L’impatto dei trapanesi non era dei migliori con poca pressione sulla palla in difesa e giocando ai ritmi blandi di Canicattì, i padroni di casa ne approfittavano per chiudere avanti il primo quarto avanti di 4 (15-11) per poi allungare nel secondo fino a + 12 (33-21).
Nel terzo e nel quarto periodo la partita cambia completamente, i trapanesi di Cardillo, infatti, cambiavano ritmo pressando costantemente a tutto campo e recuperando palloni su palloni (alla fine saranno addirittura 48) ed andando, non solo a concludere in contropiede ma prendendosi anche buoni tiri in ritmo contro la loro difesa a zona. La rimonta è già servita a fine terzo quarto con il gap ricucito (35-35) ed i padroni di casa che segnano appena 2 punti in 10 minuti. Il capolavoro si completa con l’ultimo quarto in cui i virtussini sono letteralmente scatenati segnando 31 punti in 10 minuti grazie anche al 3/3 dall’arco dei 6,75 del classe 2000 
Elio Salamone (per lui 15 punti in 15 minuti con 4/4 da tre) che scava il solco decisivo. Una nota anche per il capitano gialloblu Alessio Pirrone, unico senior della squadra, autore di 18 punti (+ 6 rimbalzi + 6 recuperi).
Le dichiarazioni a fine gara del coach della Virtus Trapani 
Massimo Cardillo: “Complimenti ai ragazzi che seppur hanno iniziato con un atteggiamento sbagliato la partita, sono riusciti ad avere la maturità per cambiare marcia ed hanno ampiamente meritato la vittoria. Una vittoria che da morale ai nostri giovani e che ci permette di guardare al prosieguo del campionato positivamente ma con grande umiltà”.

 La Cestistica Torrenovese battuta in un finale rovente dal N. Avvenire Spadafora

In un finale incandescente è Spadafora ad avere la meglio sulla Confezioni Corpina Torrenova. Dopo un match tirato e giocato alla pari per 39’, finisce 71-82. Per le Aquile non bastano i 19 punti di Arto: Spadafora, strascinata dal duo Barbera-Sofia (51 punti in due, 30 del primo) passa al PalaTorre nella seconda giornata di campionato. Per Torrenova una sconfitta che non cambia i piani, arrivata contro una formazione che lo scorso anno ha disputato il campionato di Serie C Silver.

Confezioni Corpina Torrenova-Nuovo Avvenire Spadafora 71-82 (22-19, 36-41, 53-55)

Confezioni Corpina Torrenova: Munafò, Sgrò, Scarlata 5, Albana 11, Cobianchi 10, Micale 3, Arto 19, Busco, Stiklakis 8, Stuppia 15, Lardomita ne, Serafino ne. All: Bacilleri

Nuovo Avvenire Spadafora: Scibilia ne, Barbera 31, Celona ne, Sofia 20, D’Angelo ne, Santoro ne, Giorgianni, Mobilia 12, Sindoni, Colosi 5, Colica 5, Mammina 8. All: Maganza

Sono Cobianchi ed Arto ad aprire le danze per la Confezioni Corpina Torrenova. La risposta di Spadafora non è immediata, arriva con un Canestro di Mammina solo dopo il minuto di sospensione chiamato da coach Maganza (9-2 al 6’). Una buona intensità difensiva ed un ottimo primo quarto di Andrea Arto, autore di 11 punti, permettono ai ragazzi di chiudere in avanti sul parziale di 22-19. 
Il ritorno sul parquet nel secondo quarto da parte di Torrenova non è dei migliori, gli ospiti riducono lo svantaggio e mettono la freccia. È Ivan Stuppia, ex della gara, a rispondere al fuoco avversario consentendo a Torrenova di rimanere a contatto alla fine del primo tempo sul 36-41. 
Nel secondo tempo cambia completamente l’intensità della partita e questo giova non poco alle Aquile che riescono a sfruttare la stazza di Simone Albana, autore di 7 nel quarto, per impattare a quota 53-53 al 29’. Spadafora, però, va ancora a segno prima della sirena ed il terzo quarto termina 53-55. L’ultimo parziale è rovente: Spadafora, trascinata da Barbera, rimane aggrappata alla partita nonostante l’ottima difesa di Torrenova. In un finale punto a punto la freddezza e l’esperienza aiutano il Nuovo Avvenire Spadafora ad avere la meglio.

Ufficio Stampa Confezioni Corpina Torrenova

 SERIE D. Gm Palermo si riscatta nel derby con l’Orizzonte, vittoria per 69-54

La GM Palermo di coach Arnone era chiamata ad un pronto riscatto nel derby con l’Orizzonte di coach Drigo dopo la scialba prestazione di Spadafora e così è stato. Di fronte ad una buona cornice di pubblico al Palamangano si è giocato un vero derby, intenso, duro, con il più classico del trashtalking che ha aggiunto ancora più pepe alla durezza della partita. Partita che nei primi due quarti è stata dominata su entrambe i lati del campo dalla GM che ha difeso bene e attaccato meglio concludendo spesso in contropiede su palla rubata a centrocampo. Gli esterni dell’Orizzonte hanno sofferto la maggior prestanza fisica dei pari ruolo GM, con un parziale nel secondo quarto di 20-6 che ha scavato il solco definitivo sulla partita. Con il rientro dei neo laureati di casa GM, Forzano e Guastella, le rotazioni si sono arricchite e coach Arnone ha attinto a piene mani dalla panchina lunga a disposizione. Buono l’impatto sul match di Vitale con le conferme di Muratore implacabile in contropiede e Mazza e Cerasola a dettar legge sotto le plance. Venti minuti che hanno fatto vedere di cosa può essere capace la GM anche con molti aspetti del gioco da migliorare. Al rientro l’Orizzonte ha cercato di recuperare mettendo ulteriormente pressione in difesa e complice un brutto infortunio di Forzano che ha tolto tranquillità alla GM ha accorciato le distanze fino al -13 di fine periodo. Quarto ed ultimo tempo che ha visto coach Arnone costretto a chiamare tutti i timeout disponibili per tranquillizzare la squadra e dare le giuste indicazioni tattiche, infatti a 3 minuti dal termine con l’Orizzonte a -9 e in rimonta ha ordinato l’arma tattica per eccellenza, la zone press ha scombussolato completamente l’attacco avversario che ha perso palla ripetutamente consentendo l’allungo finale del +15 per la GM. Complessivamente una buona prestazione di tutta la GM, con amplissimi margini di miglioramento. Domenica 29  a Cefalù per continuare a migliorare con l’augurio che l’infortunio di gioco di Claudio Forzano sia di breve durata.
Tabellino:
Gm Palermo: Cerasola M. 10, Lanfranchi 3, Forzano 2, Muratore 16, Giallombardo 2, Mazza 14, Vitale 9, Sorce 8, Guastella 3, Scancarello 2, Messana Ne, Scarpulla Ne. Coach: Paolo Arnone
Orizzonte Palermo: Plano, Mistretta 7, Favaloro, Gaglioti, Di Caro 7, Crocilla 7, Ferrara 6, Ventimiglia A. 11, Ventimiglia L. 6, Pecoraro, Vassallo 9, Schillaci 1.
Coach: Ivan Drigo
Parziali 20-15; 20-6; 10-16; 19-17
Falli: Gm 23, Orizzonte 19
Arbitri: La Barbera e Brusca Di Palermo