C

 HOME  scrivi a: info@cefalusport.it

 AUTOMOBILISMO 2019  
Automobilismo 2009  - Automobilismo 2010 -
TARGA FLORIO 2010 -  Automobilismo 2011
Automobilismo 2012 - Automobilismo 2013 - Automobilismo 2014 -  Automobilismo 2015
Automobilismo 2016 -
Automobilismo 2017 - Automobilismo 2018

11/07/19. L'11° Autoslalom di Castelbuono sorride al Real Cefalù Corse

CASTELBUONO (PA). Sui 3500mt del tracciato madonita si è svolto sotto un caldo torrido l'undicesima edizione dell'autoslalom città di Castelbuono a cui hanno preso parte 69 degli 85 concorrenti iscritti alla specialità tra i birilli organizzata dall' A.S.D Motorsport Castelbuono e dal sodalizio palermitano Team Palikè. 

L' isnellese Giovanni Grisanti a bordo della sua A112 Abarth di classe TC 1150 non ha deluso le aspettative e si è imposto tra le vetture storiche conquistando classe, gruppo e la vittoria assoluta, Salvatore Garbo su Peugeot 205 1.3 ha vinto la medesima classe. 

Esordio tra i birilli più che positivo per il giovane figlio d'arte Mattia Provenza che nonostante la poca conoscenza sia della vettura sia della specialità ha condotto la sua Peugeot A1400 al termine delle tre manches cronometrate piazzandosi in 4° posizione di A1400, nella stessa classe Giovanni Spinosa (Peugeot 106) ha sfruttato al meglio le potenzialità della sua francesina tutto pepe conquistando il secondo gradino del podio.

Giuseppe Guercio dopo qualche mese di stop per l'occasione ha voluto provare la Peugeot 106 di classe N1600 mettendosi in mostra durante le tre salite cronometrate conquistando il 3° posto di classe confrontandosi con piloti blasonati e veterani della specialità. 

Infine in classe N1400 Cosimo Pirajno su Peugeot 106 si è dovuto accontentare del terzo gradino del podio al termine delle tre manches che hanno messo a dura prova vetture e piloti.

Continua la stagione motoristica del sodalizio normanno durante il periodo estivo con i propri associati i quali stanno contribuendo ad una costante presenza sui campi di gara del Real Cefalù Reparto Corse.

02/07/19. Il Real Cefalù Reparto Corse presente in massa allo all'autoslalom di Castelbuono
CEFALU' (PA). Giunti quasi al giro di boa della stagione motoristica in corso, dopo il successo tra le scuderie alla recente Targa Florio CRZ, la Polisportiva Real Cefalù Reparto Corse sarà presente all'undicesima edizione dell'autoslalom città di Castelbuono, in programma il 6/7 luglio 2019, manifestazione voluta dall' A.S.D Motorsport Castelbuono in collaborazione con il Team Palikè, sarà valida per la coppa slalom V° zona ed il campionato siciliano challenge palikè 2019.
Numerosi saranno i piloti della scuderia Cefaludese che si sfideranno sui 3500 mt che dalla SS 286 - Ponte Torrente Fiumara conducono in via Mazzini alle porte di Castelbuono. La gara articolata su tre manches cronometrate prevede nella giornata di sabato le verifiche sportive in via Sant'Anna 25 (Castelbuono) dalle 14.30 alle 19.30, mentre le operazioni di verifica tecnica saranno ubicate in piazza Castello dalle 15.00 alle 20.00.
Mattia Provenza dopo l'esordio positivo alla Cronoscalata del Santuario sarà nuovamente al via con la sua Peugeot 106 di classe A1400 per la prima volta tra i birilli per macinare chilometri sulla piccola francesina, stessa classe per Giovanni Spinosa al via anche lui su Peugeot 106.
Dopo un breve periodo di stop ecco al rientro Francesco Di Paola che porterà al debutto sugli asfalti siciliani la nuova arrivata di casa, una Peugeot 205 di classe E1 ITALIA 1400, Vincent Mazzola sarà al via con la Fiat Grande Punto di classe Racing Start Diesel.
Giuseppe Guercio per l'occasione si cimenterà tra le 19 postazioni previste con la Peugeot 106 di classe N1600, seguito dal mussomelese Totò Farina anche lui al via sulla fida Peugeot 106 N1600, mentre Cosimo Pirajno sarà al via con la Peugeot 106 N1400.
Tra le vetture storiche ci sarà l'isnellese Giovanni Grisanti che per l'ennesima edizione sarà presente all'undicesimo autoslalom città di Castelbuono con la fida A112 Abarth in classe TC 1150 dopo il successo ottenuto alla recente cronoscalata Giarre Montesalice-Milo, seguito dal responsabile della scuderia Giuseppe Esposito, anche lui con l' A112 Abarth della medesima classe, dopo la prestazione più che positiva ottenuta alla Cronoscalata del Santuario. A fargli compagnia tra le "vecchiette" ci sarà anche il cefaludese Salvatore Garbo su Peugeot 205 Rally 1.3.

04/06/19. Real Cefalù Corse: Una Cefalù-Gibilmanna con buoni piazzamenti .

Cefalù (PA). Nel weekend del 2 giugno è andata in scena la Cronoscalata del Santuario Cefalù-Gibilmanna valevole per il T.I.V.M ed il Campionato Siciliano auto moderne e storiche. Il tracciato di gara ricavato su di un tratto di 7450 mt. della SP54 bis, teatro negli anni 80, di innumerevoli sfide tra i migliori piloti del palcoscenico europeo. Per il sodalizio cefaludese due giorni intensi all'insegna della competizione e del divertimento dove diversi piloti si sono contraddistinti a partire dalla classe TC 1150 in cui il madonita Giovanni Grisanti a bordo della sua A112 ha dovuto alzare bandiera bianca in gara 2 dopo aver fatto segnare tempi di tutto rispetto sia in gara 1 sia nelle prove effettuate nella giornata di sabato. A spuntarla è stato il responsabile tutto fare della scuderia cefaludese Giuseppe Esposito, per la prima volta al volante di una vettura storica, che si è imposto al termine della seconda manche cronometrata, portando così al successo della gara di casa la piccola e rombante A112 del compianto Paolino Di Marco scomparso prematuramente lo scorso anno. Sempre nella categoria riservata alle auto storiche, Santo Ilardo a bordo della sua Peugeot 205 GTI 1.6 ha tolto un po' di ruggine dopo un lungo stop facendo segnare interessanti rilievi cronometrici nonostante le condizioni meteo in gara 1 che hanno visto una leggera pioggia abbattersi sul tracciato, ciò nonostante conquistando il primato di classe ed il terzo posto di quarto raggruppamento. Su vettura gemella ma di cilindrata inferiore Salvatore Garbo è salito sul gradino più alto di classe. Entusiasmante il weekend di gara per il cefaludese Piero Vazzana che dopo aver smaltito in fretta la delusione della Targa Florio Historic Rally ha portato la sua 911 sc di 3° raggruppamento al secondo posto assoluto in classifica generale al termine di gara 2. Buona la prestazione di Totò Lo Forti new entry nella scuderia, che con la sua Mini Cooper di 2° raggruppamento si è piazzato in 32° posizione assoluta nella classifica generale conquistando il gradino più in alto di classe.
Massiccia presenza di alfieri del Real Cefalù Reparto Corse nella gara riservata alle vetture moderne, a partire da Angelo Miccichè che al volante della Formula Gloria ha conquistato il terzo posto assoluto in classifica generale e primo di E2SS. In Gruppo Racing Start lotta serrata tra Giovanni Esposito e Vincent Mazzola. Ad avere la meglio è stato Giovanni Esposito, che al volante della consueta Renault New Clio 2.0 si è piazzato in 23ª posizione assoluta conquistando la prima posizione di classe e di gruppo, precedendo Vincent Mazzola al via con la Fiat Grande Punto RSD alimentata a gasolio, il quale alle prese con piccoli problemi meccanici che hanno rallentato la sua prestazione, ha chiuso in 25° posizione assoluta e primo di classe.
Gara tutta in salita quella di Giuseppe Serio che dopo alcuni problemi tecnici riscontrati nelle prove di sabato ha condotto la clio williams di classe PRODE 2000 fino 11° posto assoluto ed al secondo di classe. Cosimo Pirajno su Peugeot 106 Rallye ProdS 1600 dopo aver trovato il giusto feeling con la vettura della casa del leone, ha concluso al 12° posto assoluto e secondo di classe. Per la classe Prod E1400, spicca la fantastica prestazione di Giovanni Spinosa, il quale primeggia sia in gara 1 che in gara 2 al volante della piccola Peugeot 106 Rallye. Ottima prestazione per Mattia Provenza, figlio d’arte, che alla sua prima esperienza assoluta al volante della Peugeot 106 Rallye di classe Prod E 1400 è giunto sul secondo gradino del podio. Nella stessa classe da segnalare il ritiro del veterano Vincenzo Maggio su Peugeot 205 Rallye che in gara 1 vedeva svanire i sogni di gloria a causa di una rovinosa uscita di strada con relativo cappottamento, dal quale ne è uscito illeso. Altro debutto più che positivo è quello di un altro giovane figlio d'arte, Mirko Marsala ai nastri di partenza con la Citroen C2 Vts di classe A1600 si è piazzato in 19° posizione assoluta nella classifica generale e secondo di classe precedendo l’altra new entry della scuderia, Rosario Fertitta, che dopo tre anni di stop ha ceduto al richiamo della gara di casa, e presentatosi a bordo di una Peugeot 106 Rallye di gruppo A1600, ha dovuto fare i conti con un' indisposizione fisica nel corso di gara 1 e gara 2, e tirando i remi in barca si è dovuto accontentare della 26ª posizione assoluta della quarta posizione del gruppo A e della terza posizione di classe. Adriano Marsala al via con una Peugeot 106 Rallye di classe Prod S1400 ha concluso la sua gara in 27ª posizione assoluta e secondo di classe nonostante la poca esperienza al volante. Sfortunata la gara di Giovanni Maggio.

 

02/06/19. Prima vittoria in carriera per il comisano Samuele Cassibba.
L’evento sportivo non poteva che concretizzarsi al culmine della Cronoscalata del Santuario Cefalù-Gibilmanna, quarta prova del Tivm, Trofeo Italiano Velocità Montagna Sud e secondo round del Campionato siciliano Velocità in Salita Moderne ed Autostoriche
.

Al volante della nuova Osella PA 21 JrB motorizzata Suzuki 1.0, il portacolori della Catania Corse ha chiuso le due sessioni cronometrate con il tempo complessivo di 8’49”42, regolando al traguardo, in un avvincente “derby” tutto in famiglia e “made” in Osella, papà Gianni Cassibba, come sempre proficuo a Gibilmanna (dove vinse già nel 1991), al volante della Osella PA 30 Zytek 3.0, pur staccato di 11”60 dalla vetta. Si festeggia anche in casa Catania Corse, con una memorabile doppietta e con la vittoria nella speciale classifica riservata alle Scuderie.
A completare il podio uno straordinario Angelo Miccichè. Il pilota palermitano (ma residente a Cefalù) ha fin da subito trovato il feeling giusto con l’agile monoposto Gloria B5 Yamaha (oggetto di forti aggiornamenti tecnici e di aerodinamica), iscritta dalla Real Cefalù. Alla Crono del Santuario si è vissuto un weekend ad alto tasso adrenalinico. Samuele Cassibba e la sua “Osellina” si sono mostrati veloci sin dalle prove di verifica sul tracciato della “classica” siciliana organizzata dall’Automobil Club Palermo, promossa dal locale Comitato “I Normanni” e patrocinata dal Comune di Cefalù. Il più giovane della famiglia Cassibba ha effettuato solo delle regolazioni all’assetto della sua biposto e montato gomme a giusta mescola Avon.
“Sono felice – esordisce sul podio Samuele Cassibba – non è stato facile memorizzare il selettivo percorso di gara e non è stato nemmeno semplice affrontarlo in Gara 1, a causa di alcune chiazze d’umido dovute alla pioggerella fine caduta in mattinata. In Gara 2 ho pure accusato qualche problema al cambio, con alcune sfollate che mi hanno inevitabilmente deconcentrato e fatto perdere del tempo prezioso. Si poteva calare il tempo, ma va bene così”. Contento per la piazza d’onore anche Gianni Cassibba, non esente da piccoli errori e da qualche problema accusato nella due giorni di prove di ricognizioni e gara, come una leggera toccata con l’anteriore della sua Osella nella prima sessione a cronometro.
Affermazione tra le vetture Turismo e quarto posto assoluto per il madonita (di Collesano) Filippo Vara, pure lui in grande spolvero nella Cefalù-Gibilmanna 2019 con la Renault Clio Rs R3C schierata dalla Ateneo, con cui ha prevalso in gruppo A ed in classe A2000. La “palma” del miglior pilota interamente locale è inoltre toccata al velocissimo Vittorio Cassata, autore di una prestazione complessiva al “top” che ha fruttato al portacolori della siracusana Sumbeam Motorsport la quinta piazza assoluta tra le Moderne e la duplice affermazione in gruppo Produzione Evo e nella classe 2000, su Renault Clio Williams. Bene anche il messinese (originario di Villafranca Tirrena) Salvatore Macrì il quale ha ingaggiato un bel duello per la supremazia nel gruppo E1 Italia con il nisseno (di San Cataldo) Maurizio Anzalone (8°, sulla Renault Clio Rs K, per il Motor Team Nisseno). Alla fine ha prevalso l’Alfa Romeo 147 Gta del peloritano, abile ad aggiudicarsi anche la classe di riferimento, la E1 Italia 2000, nonché il 6° assoluto.
Si è confermato tra i giovani piloti più promettenti anche il messinese (di Sinagra) Dario Salpietro, alla fine nono assoluto con la piccola Peugeot 106 Rallye della Ro Racing, ma primo nel gruppo Produzione di Serie ed in classe 1600. In costante crescita di prestazioni, inoltre, il rallysta palermitano Riccardo Arceri, bravo a condurre la potente Renault Clio S1600 della Top Rally fino alla settima piazza nella graduatoria generale, vincendo la classe A1600. Medesimo ragionamento anche per l’esperto ennese (di Centuripe) Salvatore Turi Naselli, finalmente “a punti” con la potente e spettacolare Fiat Cinquecento Max Suzuki della Catania Corse, con cui ha chiuso la “top ten”, al decimo posto assoluto, aggiudicandosi il gruppo E2SH Silhouette e la classe E2SH 1150.
Tra le altre affermazioni di gruppo, quelle dell’alcamese Ignazio Amato (nella Racing Start Plus, su Renault Clio Cup della Festina Lente), del “veterano” agrigentino (di Sciacca) Calogero Carlino (VBC Bicilindriche, con l’immancabile Fiat 500) e del cefaludese Giovanni Esposito (nella Racing Start, su Renault Clio Rs, per la Real Cefalù).
Sfortuna per il trapanese (di Valderice) Rocco Aiuto, leader dopo le due salite di ricognizione del sabato, ma poi costretto al ritiro in Gara 2 per una toccata con la sua Osella Pa 20S Bmw della Festina Lente e per il forte termitano Ninni Rotolo, autore di un testacoda nella seconda manche con la sua Osella PA 21 JrB Suzuki 1.4, che gli ha fatto perdere secondi preziosi e con essi la possibilità di difendere il quarto posto assoluto fino a Gara 1. Tra gli Under 25, primo gradino del podio per il locale Mirko Marsala, con la funambolica Citroen C2 Vts della Real Cefalù.
Alla Cronoscalata del Santuario Cefalù-Gibilmanna 2019 si è comunque vissuta un’indelebile pagina di sport con il duello che ha opposto il giovane “figlio d’arte” cefaludese Marco Runfola e l’altro esperto locale Piero Vazzana. Nella ipotetica classifica assoluta (tra le vetture d’”antan” non è contemplata, si premiano soltanto i vincitori nei vari Raggruppamenti), si è imposto, al culmine di una prestazione straordinaria, Marco Runfola, con la Porsche 911 Sc della palermitana Spm. Il portacolori della Project Team ha chiuso con il tempo totale di 10’26”51, amministrando il vantaggio accumulato in Gara 1, precedendo l’altra Porsche 911 Sc di Piero Vazzana, preparata dal Team Balletti ed iscritta dalla Real Cefalù. Sul podio virtuale anche un altro grande nome dell’automobilismo nazionale, il palermitano Natale Mannino, per una volta al volante dell’Opel Kadett Gte schierata dalla Island Motorsport. 
Per quanto concerne gli allori di gruppo, il collesanese Pierluigi Fullone si è imposto nel 1° Raggruppamento, (Bmw 2002 Ti della Island Motorsport), il palermitano Claudio La Franca ha prevalso nel 2° Raggruppamento, con la Porsche 911 Rs ‘by Spm’ della Ro Racing, mentre Marco Runfola ha riposto in bacheca la coppa del 3° Raggruppamento. Il “sempreverde” catanese “Aeron” non si è infine lasciato sfuggire a sua volta il successo nel 4° Raggruppamento, con la Renault 5 Gt turbo della Scuderia Etna. Nella Coppa riservata ai sodalizi in gara, successi per la palermitana Aspas (nel 1° e 3° Raggruppamento), per la catanese Etna (2°) e per la locale Real Cefalù (4°). Poca fortuna per il palermitano Antonio Piazza, già campione siciliano, attardato nella prima salita da problemi di pressione della benzina sulla sua Lucchini SN90 Alfa Romeo dell’Armanno Corse e poi vincitore di Gara 2.
Il 6° Memorial “Salvatore Scicolone” è stato infine assegnato a Samuele Cassibba, mentre la II Coppa Paolino Di Marco ha visto trionfare Marco Runfola.
La classifica: 1) Samuele Cassibba (Osella PA 21 JrB Suzuki), in 8’49”42 2) Gianni Cassibba (Osella PA 3° Zytek), in 9’01”02 3) Angelo Miccichè (Gloria B5 Yamaha), in 9’38”97 4) Filippo Vara (Renault Clio Rs R3C), in 9’44”17 5) Vittorio Cassata (Renault Clio Williams), in 9’57”47 6) Salvatore Macrì (Alfa Romeo 147 Gta), in 9’57”98 7) Riccardo Arceri (Renault Clio S1600), in 10’12”11 8) Maurizio Anzalone (su Renault Clio Rs K), in 10’12”35 9) Dario Salpietro (Peugeot 106 Rallye), in 10’12”77 10) Salvatore Naselli (su Fiat Cinquecento Max Suzuki), in 10’13”34.

02/06/19. Cassibba jr domina la cronoscalata del santuario. Successo di Runfola nelle storiche
Ieri lo aveva detto: “Devo solo memorizzare meglio il percorso”. E oggi Simone Cassibba lo ha fatto così bene che ha colto una bella vittoria nella cronoscalata del santuario Cefalù-Gibilmanna, quarta tappa del Trofeo italiano velocità montagna Sud e secondo round del Campionato siciliano velocità in salita moderne e storiche. 
Nelle gare ufficiali il pilota di Comiso, su Osella PA 21 JBR, si è così ripreso con gli interessi quello che ieri aveva ceduto nelle prove: solo per un soffio, appena un secondo, era stato sbalzato dalla testa da Rocco Aiuto. In quel caso l’esperienza aveva fatto i giochi. Oggi le cose sono state riportate al loro posto in quella che viene classificata come una classica, organizzata da Automobile Club Palermo e promossa dal comitato “I Normanni”.
Nelle autostoriche il trionfo di un mito di casa, Marco Runfola, che come Samuele Cassibba è un figlio d’arte.
Le gare nelle moderne sono vissute sulla sfida in famiglia tra Samuele Cassibba e il padre Gianni che puntava a un risultato di prestigio con la sua Osella PA 30 Zytek 3.0. Qui il maestro è stato superato dall’allievo. Il figlio avanti, il padre dietro a 11 secondi e 60 centesimi. Terzo posto sul podio per Angelo Miccichè, con la nuova Gloria B5 Yamaha schierata dalla Real Cefalù (il sodalizio con il maggior numero di presenti nella gara di casa). Miccichè ha concluso la gara con un distacco dalla testa di 49”55. 
E poi c’è la grande impresa di Marco Runfola nelle autostoriche. Il pilota cefaludese ha realizzato il miglior tempo in salita nelle due manches con su Porsche 911 SC gruppo 4 preparata dalla SPM. Dietro di lui un altro cefaludese, Piero Vazzana, anche lui su Porsche 911 SC, con un ritardo di 38 secondi e 8 centesimi. Solo terzo Natale Mannino su Opel Kadet GTE. Per lui un distacco da Runfola di 47”07. Era tutto chiaro già nella prima manche. Runfola si era imposto lasciandosi dietro Aeron e Nicola Mannino. La seconda prova ha solo confermato i ruoli e le posizioni.

02/06/19. Cefalù - Gibilmanna: la partenza di tutte le macchine. FOTO
Le FOTO di tutti i partenti

01/06/19. Rocco Aiuto vola, ma è grande sfida alla Crono del Santuario
Il ‘veterano’ trapanese Rocco Aiuto, su Osella PA 20S Bmw 3.0, è stato il più veloce. E scatterà da una virtuale “pole position” nella prima delle due decisive salite della cronoscalata del Santuario Cefalù-Gibilmanna, quarta tappa del Trofeo italiano velocità montagna Sud e secondo round del Campionato siciliano velocità in salita moderne e storiche. 
Grazie ad una seconda salita di ricognizione particolarmente attenta e caparbia, l’alfiere della Festina Lente Monreale ha ottenuto il miglior riferimento cronometrico di giornata, precedendo, forse un po’ a sorpresa, l’altro esperto comisano Gianni Cassibba, su Osella PA 30 Zytek 3.0 della Catania corse, distanziato di appena un secondo e 5 centesimi dalla vetta. E subito dietro a Cassibba il figlio Samuele, anche lui autore di una prova proficua e ricca di spunti tecnici sulla nuova Osella PA 21 JrB Bmw 1.0 (sempre schierata dalla Catania corse), biposto che ha confermato i progressi già evidenziati a Sortino e che si è piazzata a soli 3” dalla vetta. Sono questi i tre piloti che possono giocarsi a pari merito il successo.
“Sono soddisfatto per la buona risposta – non fatica ad ammettere Rocco Aiuto, assente dalla Cefalù-Gibilmanna da molti anni – della mia Osella. Abbiamo adottato un nuovo assetto e montato inediti pneumatici radiali Avon. Il tracciato, pur impegnativo, è fantastico e non lo scopro certo io. Per la gara conclusiva ho parecchie sensazioni positive”. 
Samuele Cassibba non è affatto preoccupato, in vista della duplice sfida al cronometro. Pur autore del miglior crono assoluto dopo la prima salita di ricognizione, il pilota di Comiso si è visto scalzare dalla vetta. “Bisogna memorizzare meglio il percorso – confessa Cassibba jr – ma non è facile”. Medesime sensazioni per papà Gianni Cassibba, che a Cefalù ha portato il nuovo motore Zytek in luogo del “capriccioso” Mugen montato in precedenza sulla sua Osella. L’esperienza potrebbe fare la differenza.
Brillanti riferimenti cronometrici, peraltro in costante crescita, anche per il giovane Ninni Rotolo. Il pilota di Termini Imerese ha piazzato la sua nuova Osella PA 21 JrB Suzuki 1.4 a ridosso del podio virtuale. In netta evidenza, alla crono del Santuario, anche il palermitano Angelo Miccichè, con la nuova Gloria B5 Yamaha schierata dalla Real Cefalù (il sodalizio con il maggior numero di presenti nella gara di casa, ben 16) e il catanese Dario Messana, al volante della Gloria C8P Suzuki ex Ninni Rotolo, con il quinto e sesto tempo di riferimento. Applauditissimo dai suoi tifosi anche il rallysta madonita Filippo Vara, sempre preciso alla guida della sua Renault Clio Rs R3C con i colori Ateneo, prima tra le vetture turismo e attualmente in vetta al gruppo R.
Il palermitano Vittorio Cassata ha finora messo tutti d’accordo nel gruppo Produzione Evo, sulla Renault Clio Williams della siracusana Sumbeam Motorsport, imitato dall’alcamese Ignazio Amato (leader tra le Racing Start Plus, su Renault Clio Cup della Festina Lente), da Dario Salpietro (miglior crono nel gruppo Produzione Serie, su Peugeot 106 Rallye, Ro Racing), dal plurititolato nisseno Maurizio Anzalone (primo tra le E1 Italia, con la Renault Clio Rs K del Motor Team Nisseno) e dal palermitano Riccardo Arceri, a sua volta al “top” in gruppo A, alla guida della Renault Clio S1600 della Top Rally. Un po’ attardato nella classifica virtuale odierna (ma conta di rifarsi) l’atteso locale Ciccio Giardina, su Elia Avrio.
Ma alla cronoscalata del Santuario è anche grande spettacolo tra le autostoriche, con il primato parziale e virtuale fatto segnare, anche in questo caso forse un po’ a sorpresa, dal palermitano Antonio Piazza, con la Lucchini SN90 Alfa Romeo iscritta dalla Armanno corse Palermo. Piazza è stato costantemente in vetta nelle due salite di ricognizione, al culmine delle quali ha preceduto l’esperto preparatore di Marineo Ciro Barbaccia, con la “muscolosa” Stenger ES861 Bmw 2.5 da oltre 400 cavalli. Il portacolori della Scuderia Aspas è stato suo malgrado protagonista di una clamorosa uscita di strada dopo pochi metri dal via della seconda sessione (causata dal bloccaggio dell’acceleratore sulla sua biposto), senza alcuna conseguenza fisica per il pilota. In evidenza anche l'altro componente della famiglia Barbaccia, il figlio Andrea, sempre concreto al volante della sua Paganucci Sport Bmw Aspas.
Altrettanto veloce e a ridosso del podio è il messinese Salvatore Caristi (su Fiat 128 Berlina schierata dalla Phoenix), ma è “stellare” la lotta sportiva che vede avversari acclamati dal pubblico di casa i rallysti Marco Runfola e Piero Vazzana, presidente del comitato “I Normanni”. Runfola, tornato alla guida di una vettura della casa di Stoccarda dopo oltre 7 anni, su Porsche 911 Sc ‘made by Spm’ iscritta dalla Project Team, Piero Vazzana sempre su Porsche 911 Sc, ma preparata dal team Balletti e portata in gara dalla locale Real Cefalù Reparto Corse. I due sono distanziati di meno di 2”.
Domani, domenica, la cronoscalata del Santuario 2019 (a cui sono abbinati il 6° memorial “Salvatore Scicolone” e la coppa “Paolino Di Marco”) affronterà la duplice salita di competizione (alle 9.00), alla quale sono ammessi 100 concorrenti. La premiazione, al cospetto del suggestivo Santuario dedicato alla Madonna di Gibilmanna, farà calare il sipario sulla manifestazione.

01/06/19. Nelle prove avanti Aiuto (Osella) e Piazza (Lucchini)
Si sono svolte le 2 manches di prove ufficiali della Cefalù - Gibilmanna. Nel Trofeo VTM il migliore è stato Aiuto su Osella col tempo di 4'30.79 seguito da G. Cassibba 4'31.84 e S. Cassibba 4'33.79.
Nelle Autostoriche il più veloce è stato Piazza su Lucchini col tempo di 4'33.96, secondo C. Barbaccia 4'47'30 e terzo A. Barbaccia col tempo di 4'49.74. Quinto Runfola (Porsche) 4'51.54

31/05/19. Cefalù-Gibilmanna, pronti via alla cronoscalata del santuario
A distanza di soli sette mesi dall’ultima edizione stanno per accendersi i motori della cronoscalata del santuario, la ‘classica’ dell’automobilismo nazionale organizzata a cura dell’Automobil Club Palermo, promossa dal comitato ‘I Normanni’ e valevole quale quarta prova del Trofeo italiano velocità Montagna Sud, nonché quale secondo appuntamento stagionale con il Campionato siciliano velocità in salita, moderne e Autostoriche. L’evento è patrocinato dal Comune di Cefalù, ma è pure determinante l’apporto di numerosi sponsor locali e nazionali.
Cefalù torna così alla ribalta nazionale. Semaforo verde, per i 107 piloti iscritti alla kermesse automobilistica (48 tra le moderne e 59 tra le storiche) già sabato 1 giugno, per la doppia salita di ricognizione, utile per testare le soluzioni più idonee sulle vetture e per assimilare i selettivi 7,450 km del leggendario tracciato ricavato lungo la provinciale 54 bis, teatro, su una sua sezione, di memorabili sfide automobilistiche nella Cefalù-Gibilmanna valevole per l’allora Campionato europeo della montagna. 
Domenica 2 giugno la sfida al cronometro, articolata su due distinte salite di competizione sul medesimo “teatro” di gara, con coordinamento affidato al direttore di gara ennese Lucio Bonasera e al suo aggiunto, il calabrese Massimo Minasi. Alla cronoscalata sono pure abbinati il sesto memorial “Salvatore Scicolone” e la Coppa “Paolino Di Marco”. Già oggi, dalle 14:00 alle 19:00, le verifiche sul lungomare Giuseppe Giardina di Cefalù, nei locali e negli spazi antistanti il Cefalù Sea Palace (già sede confermata della direzione di gara e della sala stampa) e dell’attiguo Victoria Palace. 
Grande soddisfazione è stata espressa dal comitato organizzatore, presieduto da Angelo Pizzuto, presidente dell’Automobil Club Palermo, e dall’indimenticato pilota cefaludese Piero Vazzana, a nome del comitato “I Normanni”. “La cronoscalata del santuario continua il suo rilancio – dice Pizzuto – dopo la validità per il Tricolore autostoriche (fino all’anno scorso) adesso è arrivata quella per la serie cadetta nazionale Tivm”.
“Il numero degli iscritti – aggiunge Angelo Pizzuto – inizia a dare ragione. Ci muoveremo su questa traccia al fine di continuare il nostro lavoro e iniziare sin da subito a guardare alla prossima edizione. Saremo onorati di accogliere tutti i partecipanti e di riportare Cefalù dove merita, al centro della scena del Motorsport nazionale”.
Nutrito e di qualità il lotto dei pretendenti alla vittoria assoluta alla cronoscalata, sia tra le moderne sia tra le storiche. Al completo la famiglia comisana dei Cassibba con l’esperto Gianni “smanioso” di centrare un’affermazione che manca ormai da qualche tempo, con la sua fedele Osella PA 20S Bmw 3.0 della Catania corse. Il figlio Samuele, anche lui a caccia di punti, testerà nuovamente la Osella PA 21 JrB Bmw 1.0 Catania corse, magari provando a fare lo “sgambetto” a papà Gianni. 
Tra gli altri piloti in grado di puntare al podio, l’esperto trapanese (di Valderice) Rocco Aiuto, su Osella PA 20S Bmw 3.0 con i colori della Festina Lente Monreale, il giovane termitano Ninni Rotolo, al debutto con la nuovissima Osella PA 21 JrB Bmw 1.0 della Project Team, il rallysta cefaludese Ciccio Giardina su Elia Avrio ST09 Suzuki (per la Project Team) e il nisseno Santo Ferraro con la Osella PA 20S Bmw del
Motor Team Nisseno. 
Tra gli outsider il palermitano Angelo Miccichè (Gloria B5 Yamaha, Real Cefalù), il catanese Dario Messana (con la Gloria C8P Suzuki ex Ninni Rotolo), il messinese, ma palermitano d’adozione, Manlio Munafò, al volante dell’Osella PA 20S Bmw 3.0 schierata dall’Aspas Palermo e il gelese Gianni Carfì con la monoposto Tatuus Formula Renault del Motor Team Nisseno.
Sempre tra le Moderne con validità Tivm Sud, attesa per il duello in E1 Italia tra il plurititolato nisseno (di San Cataldo) Maurizio Anzalone su Renault Clio Rs K e il messinese (residente a Villafranca Tirrena) Salvatore Macrì, su Alfa Romeo 147 Gta, mentre in E2SH Silhouette proverà a riscattarsi dopo la sfortuna di Sortino l’ennese (di Centuripe) Salvatore Naselli, su Fiat Cinquecento Suzuki. Altrettanto accesa la battaglia sportiva in gruppo A, tra il rallysta madonita Filippo Vara (su Renault Clio Rs R3C) e il collega palermitano Riccardo Arceri, a sua volta su Renault Clio S1600 della Top Rally, mentre il gruppo N annovera il ragusano (originario di Chiaramonte Gulfi) Davide Gravina, vice campione siciliano in N1600 in carica su Citroen Saxo
Vts per la Catania corse. Tra le storiche occhi puntati sulle potenti Porsche 911 dei cefaludesi Marco Runfola (Rs, Project Team) e Piero Vazzana (SC, Real Cefalù), così come sulle altre vetture della casa di Stoccarda affidate ai palermitani Matteo Adragna (911 RSR, Scuderia Etna), Claudio La Franca
(Rs, per la Ro Racing), Girolamo Cutrone (Sc, per i colori Aspas), Giovanni Filippone (Porsche 911 S, Festina Lente) e Raffaele Picciurro (Rs). 
Riflettori accesi, inoltre, per l’altro esperto palermitano Natale Mannino, questa volta al volante di un’Opel Kadett Gte, per la Festina Lente Monreale, per il funambolico madonita Pierluigi Fullone, con la Bmw 2002 Tii, per la Island Motorsport e per il palermitano (vive a Caccamo) Quintino Gianfilippo, con la sempre ammirata Alfa Romeo Alfetta Gtv della Project Team.
Tra i favoriti per l’ideale classifica assoluta Autostoriche non potevano mancare Ciro ed Andrea Barbaccia, padre e figlio, rispettivamente con la spettacolare Stenger ES861 Bmw 2.5 da 401 cavalli e con l’altrettanto potente Paganucci Sport Bmw. 
Ad imporsi nel 2018, quando la cronoscalata del santuario era valevole per il Tricolore Autostoriche, è stato il cefaludese Angelo Lombardo, su Porsche 911 Sc. (nella foto)

30/05/19. La Scuderia Real Cefalù si prepara in forze alla prossima Cefalù - Gibilmanna
F
ervono i preparati in casa della scuderia di Cefalù in vista della storica Cronoscalata del Santuario Cefalù-Gibilmanna promossa dal comitato "I Normanni" e da Aci Palermo sulle classiche curve che dal centro abitato conducono al Santuario di Gibilmanna in programma dal 31 maggio al 2 giugno.
La Perla del Tirreno, con i
l suo Patrimonio Unesco, sarà nuovamente al centro dell’attenzione sportiva nazionale. La competizione dal fascino sempre coinvolgente ha validità per il
Trofeo Italiano Velocità Montagna Sud, Campionato Siciliano Velocità Salita per auto moderne e per autostoriche.
Numerosa la flotta dei piloti schierati dal Real Cefalù Reparto Corse alla gara di casa e per l'occasione il responsabile della scuderia
Giuseppe Esposito riporterà in gara la A112 del compianto Paolino Di Marco, stessa classe per il madonita Giovanni Grisanti veterano delle gare in salita. 
Il cefaludese
Piero Vazzana, vecchia conoscenza della Cefalù-Gibilmanna su Porsche 911 di 3° raggruppamento, non ha saputo resistere al richiamo della gara di casa, nonostante sia uno degli organizzatori cercherà di dire la sua tra le autostoriche.
Della partita tra le autostoriche ci saranno anche
Salvatore Garbo e Santo Ilardo entrambi su Peugeot 205 rispettivamente in classe 1300 e 1600cc.
Tra le vetture moderne in classe Racing Start ci saranno
Giovanni Esposito al volante della Renault New Clio Rs 2.0 e Giovanni Maggio su Citroen Saxo 1.6 e Vincent Mazzola rientrante dopo il prematuro ritiro alla Targa Florio con la Fiat Grande Punto RSD alimentata a gasolio.
Debutto per
Mattia Provenza (figlio di Antonio) che dopo aver assaporato il sedile di destra alla recente Targa Florio, alla gara di casa lascia il quaderno delle note e con il volante tra le mani porterà sulla linea di partenza la piccola Peugeot 106 in classe A1400 dove sarà osservato da Giovanni Spinosa (Peugeot 106) ed il veterano Vincenzo Maggio (Peugeot 205).
Dopo un lungo periodo di inattività ritorno alle gare per l'avvocato
Rosario Fertitta su Peugeot 106 A1600.
Giuseppe Serio dopo il rally di Cefalù sarà nuovamente al via della Cefalù-Gibilmanna sulla Renault Clio Williams di classe A2000.
Cosimo Pirajno sarà della partita con la Peugeot 106 in classe N1600, Angelo Miccichè su Formula Gloria ed infine debutto assoluto per un altro cefaludese, Mirko Marsala (figlio di Vincenzo) con la Citroen C2 in classe E1 Italia 1600. In classe N1400 sempre su Peugeot 106 al via anche Adriano Marsala per la prima volta al via della Cefalù-Gibilmanna.

11/05/19. Campedelli - Canton vincono la 103^ targa Florio. A Riolo l'Historic Rally
Simone CAMPEDELLI e Tania CANTON, su Ford Fiesta R5, vincono la 103^ edizione della Targa Florio.
Al secondo posto sul podio Luca Rossetti (su Citroen C3) che resiste, nell'ultima prova speciale "Targa", all'assalto portato da Andrea Crugnola (Polo R5), precedendolo di appena 1 secondo in classifica assoluta.
E' stata, fino alla fine, una lotta infernale.

Totò RIOLO e Gianfranco RAPPA si aggiudicano il Targa Florio Historic Rally, prova valida per il Campionato Italiano, alla guida della Subaru Legacy curata dalla Factory del Fratelli Balletti.
Sul podio, dopo la prova spettacolo di Collesano, uno strepitoso Pierluigi FULLONE (su BMW) ed il cefaludese Mauro LOMBARDO, su Porsche 911 RS preparata da Mimmo Guagliardo. 

07/05/19. Gli elenchi degli iscritti della 103^ Targa Florio
Elenco iscritti CIR (Campionato Italiano Rally)
Elenco iscritti CRZ (Coppa Rally di Zona)

06/05/19. Dal 9 all'11  maggio si corre la 103^ Targa Florio
La 103^ Targa Florio è pronta a continuare la storia della corsa automobilistica più antica del mondo, nuovamente con un appuntamento sportivo che si fa in quattro. Gli organizzatori dell’Automobile Club Palermo ed Automobile Club d’Italia sono al lavoro sui particolari della competizione che nei giorni 9, 10 e 11 maggio sarà terzo round di Campionato Italiano Rally, Campionato Italiano Rally Autostoriche, 2° appuntamento del Campionato Rally di 8^ Zona e 2° del Campionato Italiano Regolarità a Media. Le iscrizioni sono in corso e si chiuderanno alle 20 di venerdì 3 maggio.
La Targa Florio vive e guarda al futuro come sua intramontabile prerogativa. Edizione numero 103 ricca di novità ma densa di conferme. Il percorso si snoda sulle Madonie e ripercorre il piccolo, Medio e Grande Circuito, il Targa Florio Village, con centro servizi ed i parchi assistenza, sarà ubicato al Porto di Termini Imerese, nei pressi del quale vi sarà l’apertura delle sfide cronometrate con la prova Spettacolo “Termini Imerese” il concentrato di emozioni inaugurale sui 2,5 Km, trasmesso in diretta TV.
Anche quest’anno, con la professionale regia di Acisport Italia - dichiara il presidente dell’Automobile Club Palermo Angelo Pizzuto - siamo pronti per offrire a tutti i tifosi ed appassionati un grande spettacolo con una gara che torna a riappropriarsi dei luoghi storici in cui fu pensata. Questa è e sarà la nostra filosofia e soprattutto la nostra battaglia e cioè di tornare a guadagnare sempre più importanti pezzi dello storico circuito per onorare la storia e la cultura dello sport automobilistico siciliano”.
Il clou dell’evento, il cui nome è catalizzatore dell’attenzione internazionale sull’Italia, per una gara che ha scritto e continua a scrivere pagine tra le più esaltanti ed affascinanti dell’automobilismo, sarà giovedì 9, venerdì 10 e sabato 11 maggio, quando a Palermo e sulle Madonie brilleranno i colori della tradizione, dell’arte, della cultura e della incomparabile passione siciliana, esaltati dall’evento che anche per il 2019 si colloca in quella tradizionale ed attesa seconda settimana di maggio.
Mentre presso la sede dell’Automobile Club Palermo, continuano ad arrivare le adesioni degli equipaggi in corsa per i titoli italiani e per quelli a caccia di punti nella serie di Zona, arrivano anche le iscrizioni dei tanti equipaggi che soltanto non rinunciano al fascino della “Targa”. Anche per la 103^ il mix tra i migliori nomi del panorama nazionale e la folta e temuta pattuglia di piloti isolani sembra garantito.
Anteprima dello spettacolo delle sfide del Campionato Italiano si avrà con i test collettivi per i partecipanti al CIR su un tratto di strada nei pressi di Sclafani Bagni mercoledì 8 maggio. Giovedì 9 dalle 14 alle 23 le verifiche presso il Porto di Termini Imerese, mentre per le storiche le operazioni preliminari si svolgeranno dalle 7.30 alle 12 di venerdì 10. Venerdì 10 maggio motori in moto, dalle 8 alle 12.30 per lo shakedown, a cui dalle 10.15 si uniranno anche i protagonisti del Tricolore Autostoriche, il test con le auto da gara che gli equipaggi potranno effettuare su un tratto della SP 9 tra Campofelice di Roccella e Collesano, mentre dalle ore 13.30 le auto saranno schierate in allineamento di Partenza presso Piazza Verdi a Palermo dinnanzi l’imponente ed elegante Teatro Massimo.
I concorrenti del CIR si dirigeranno verso Termini Imerese, storicamente sede del primo quartier generale della Targa Florio, dove immediatamente si svolgerà la prova Spettacolo in diretta TV e poi due passaggi sulla “Cefalù”, 14,70 Km di curve tra le più famose d’Europa concluderanno la prima giornata di gara. Si riprenderà alle 7 di sabato 10 maggio alla volta di: “Tribune” e “Targa”, dove sono previsti 3 passaggi, poi “Scillato - Polizzi”, “Geraci”, “Bergi” e “Collesano” dove si prevedono due passaggi per ciascun crono. La lunga giornata d’emozioni si concluderà con il traguardo alle 20.51, al Belvedere di Termini Imerese, dopo 558,56 Km totali, di cui 151,35 suddivisi sulle 17 prove speciali. 
Tre crono in meno per il tricolore storiche che nella prima giornata affronterà per prima una sola volta la “Cefalù” e poi la “Termini Imerese”. Nella seconda giornata dopo due giri completi sulle Madonie, senza l’ultimo passaggio su “Tribune” e “Targa”, vi sarà il traguardo alle 18.29 sempre al Belvedere di Termini Imerese. Saranno 490,18 i Km di gara per il protagonisti del CIRAS, di cui 118,58 articolati nelle14 PS.
Saranno 7 le prove speciali sule quali si articolerà invece la Targa Florio valida per il Campionato Rally di Zona, con start alle 18 da Piazza Verdi a Palermo e la prova spettacolo da disputare alle 20.58. Sabato 11 due passaggi su: “Tribune”, “Targa” e “Scillato - Polizzi” prima del traguardo previsto per le 17.22, sempre sulla terrazza del Belvedere di Termini.
Le prestigiose auto che saranno protagoniste della prova di Campionato Italiano Regolarità Media inizieranno le operazioni preliminari venerdì 10 maggio presso il Museo del Motorismo Siciliano e della Targa Florio, dalle 15 alle 17.30. Il via sarà sempre dalla sede del Museo termitano alle 10 di sabato 11 maggio, alla volta di 7 prove a media ricavate sul “Grande Circuito delle Madonie”: due passaggi su “Tribune” e “Targa”, mentre un solo trasito sulle prove “Scillato - Polizzi””, “Geraci” e “Bergi”.
Nel 2018 leggendaria vittoria per il siciliano Andrea Nucita navigato da Marco Vozzo su Hyundai I20 R5, seconda posizione per il 10 volte vincitore della gara Paolo Andreucci con Anna Andreussi alle note su Peugeot 208 T16 e terzi Umberto Scandola e Guido D’Amore su Skoda Fabia. Per il Tricolore Storiche dominio di Elia Bossalini e Harshana Ratnayake sulla Porsche 911 SC/RS, davanti ai Campioni Italiani “Luky” e Fabrizia Pons su lancia Delta Integrale. Terzi Valter Pierangioli e Giancarla Guzzi su Ford Sierra Cosworth. Il pilota e preparatore nisseno Roberto Lombardo su Renault Clio si è aggiudicato la classifica regionale.
Per la gara di Campionato Italiano Regolarità a Media, specialità che sempre più favore riscuote tra i regolaristi, hanno tagliato il traguardo da vincitori assoluti Paolo Marcatillj e Francesco Giammarino con la bella Porsche 911 da 2000 cc di 3° Raggruppamento. Seconda piazza in ordine assoluto, per i vincitori di 4° raggruppamento Marco Gandino e Danilo Scarcella su Autobianchi A112. Su un ipotetico terzo gradino del podio, invece sono saliti i vincitori di 5° Raggruppamento Maurizio Vellano e Giovanni Molina su Audi 80 Quattro. Il 2° Raggruppamento lo hanno vinto Giuseppe Giaconia di Migaido e Costanza Afan De Rivera Florio su Porsche 356. Il 1° Raggruppamento è stato a vantaggio di Daniele Spataro e Fabrizio Falanga su Fiat 1100 S Ala D’Oro.

21/03/19. Dolce e amaro nel Rally di casa per la scuderia Real Cefalù Corse.

Cefalù (PA) - Inizio di stagione dolce e amaro, tra vittorie e clamorosi ritiri, per la scuderia Real Cefalù Reparto Corse, alla 3° edizione del Rally Cefalù Corse, andato in scena sulle strade del comprensorio Cefaludese e Pollinese lo scorso 17 marzo.
Sono stati 14 gli affiliati alla scuderia Cefaludese che hanno onorato la gara di casa. Con il numero 9 sulle portiere il duo 
Salvatore Marino - Marcello Certisi su Renault Clio classe R3 curata dalla Factory Ennese BR Sport hanno dovuto abbandonare la gara sulla ps 4 “Pollina 2” a causa di un problema meccanico.
La coppia 
Alessio Di Franco - Cono Merenda a bordo della Renault Clio classe A7 curata dalla Factory Nissena P.L. Sport Team di Peppe Lombardo finiscono il rally con un 1° di classe e un 16° assoluto, nonostante problemi ai freni riscontrati nelle battute iniziali della gara.
Altra coppia Cefaludese quella formata da 
Giuseppe Serio - Giuseppe Lusco anche loro su Renault Clio classe A7 gestita da Ferrara Motors dopo un dritto sulla “Cefalu’ 1” sono fuori dalla lotta per la classe.
Il duo 
Massimo Portera - Salvatore Mirenda alla prima esperienza sulla Peugeot 208 classe R2B curata da FG Racing hanno concluso la gara in 23° posizione assoluta e 2° di classe R2B.
Buon esordio nei rally di 
Antonio Damiani in coppia con Giuseppe Livecchi su C2 R2B curata da LB Tecnorally, concludendo la gara in 43° posizione assoluta e 7° di classe.
L’equipaggio formato da 
Santo Coniglio e Rosario Mirenda su Renault Clio classe N3 ha dovuto abbandonare la gara sulla ps 4, la “Pollina 2” per un problema elettrico, nel tempo in cui si trovavano al comando della classe.  
Altro esordio, quello di 
Mattia Provenza che ha dettato le note all’esperto papà Antonio su Peugeot 106 classe K10 dei fratelli Campione Racing, meno fortunato, in quanto una toccata alla seconda chicane sulla “Pollina 1”, li ha messi fuori gioco costringendoli al ritiro.
La coppia 
Matteo Disclafani - Filippo Saja su Peugeot 106 classe A6 della LRM Motors ha dovuto abbandonare la gara al primo km della prima ps a causa della rottura di un semiasse.
L’equipaggio 
Giuseppe Guercio - Giovanni Spinosa su Peugeot 106 classe A5 dell’Autotecnica Racing hanno concluso la gara piazzandosi 2° di classe, esordi amaro per l’equipaggio formato da Salvatore Maggio - Alessandro Catanese, anche loro in classe A5 su Peugeot 205 curata da Tony Motorsport, costretti al ritiro sulla prima ps a causa di un dritto.
Ritiro anche per 
Salvatore Farina - Giuseppe Guercio su Peugeot 106 classe N2 sulla ps 5 a causa di problemi meccanici e di assetto.
Brillante rientro, dopo 15 anni di stop, invece per 
Vincent Mazzola navigato per l’occasione da Erminia Rizzo, i quali nonostante abbiano avuto sin dalla prima ps problemi di temperatura sulla loro Grande Punto RSD 2.0 hanno concluso la gara la con un 1° posto di classe, un 1° posto di gruppo e 36° assoluti.
Sfumata la Triplette in classe N1 per 
Cosimo Pirajno - Francesco Tamburo,  che a bordo della loro Peugeot 106, hanno concluso in 2° posizione non riuscendo a contrastare una più performante MG Rover.
Ottimo esordio nei rally per 
Adriano Marsala in coppia con Gianluca Tudisco a bordo della Peugeot 106 classe N1, curata da Autotecnica Racing hanno concluso in 4° posizione.
Con il numero 1 sulle portiere 
Massimiliano Glorioso, affiliato alla Real Cefalù Reparto Corse, ha letto le note a Riccardo Arceri su Renault Clio S1600 piazzandosi 6° di classe 9° di gruppo e 12° assoluti.
Ringraziamo tutti i piloti porta colori della scuderia.
 

18/03/19. Rassegna stampa: Gli articoli dei giornali

 

17/03/19. 3° Rally Cefalù Corse. IL VIDEO: L'arrivo sul Podio. FOTO dell'Arrivo sul Podio
 

17/03/19. Lo Cascio - Castelli vincono di nuovo il 3° Rally di Cefalù. Penalità a Runfola
Il 3° Rally Cefalù Corse è stato vinto dalla coppia Lo Cascio - Castelli su Citroen Saxo col tempo totale di 24'29.1 La corsa è stata caratterizzata dalla lotta sul filo del secondo o dei decimi di secondo tra i vincitori e la coppia di casa Runfola - Federighi su Renault Clio, ma nel finale della corsa c'è stato un colpo di scena inatteso. A Runfola, secondo a 7 decimi da Lo Cascio, viene assegnata una penalità di 30 secondi che lo fa retrocedere in quinta posizione. SEcondi classificati sono Gandolfo - Buscemi, al terzo posto Casano - Orto.

 

17/03/19. Partite tutte le machine del 3° Rally Cefalù Corse. FOTO  - VIDEO

Iniziato in perfetto orario il 3° Rally Cefalù Corse. dal lungomare di Cefalù hanno preso il via le 80 vetture iscritte. A dare il via il Patron Ciccio Giardina. Prima della partenza il direttore di gara Cascino ha svolto un breve incontro (briefing) con tutti gli equipaggi
LE FOTO  della partenza di tutte le macchine. Presto i VIDEO della partenza

16/03/19. Rally Cefalù Corse: Runfola punta al successo
 

15/03/19. L'elenco degli iscritti al 3° Rally Cefalù Corse
 

 

14/03/19. Tanti equipaggi della scuderia Real Cefalù presenti al 3° rally Cefalù Corse
Ormai tutto pronto in casa Real Cefalù per la gara di “casa”, il 3° Rally Cefalù Corse in programma il 16-17 marzo prossimi, che inaugura l’inizio della stagione rallystica siciliana 2019.
Saranno ben 14 gli equipaggi schierati dalla scuderia Cefaludese che cercheranno di ben figurare nella classifica assoluta.
A bordo della Renault Clio di classe R3C, curata dalla Factory Ennese BR Sport, il cefaludese Salvatore Marino proverà a dire la sua sulla vettura francese in coppia con Marcello Certisi. Tra gli altri, troviamo l'ennese Alessio Di Franco in coppia con Cono Merenda su Renault Clio Williams di classe Prod E7, curata dalla Factory Nissena di Peppe Lombardo, che di sicuro sarà anche uno dei protagonisti della classifica assoluta oltre a garantire uno spettacolo eccezionale. I cefaludesi Giuseppe Serio “Bignè” e Peppe Lusco saranno nuovamente al via ma questa volta con una Renault Clio Williams di classe Prod E7, curata dalla Factory Messinese Ferrara Motors. 
Antonino Provenza su Peugeot 106 rallye di classe K10 curata dai fratelli Campione Racing porterà al debutto assoluto il giovane figlio Mattia Provenza; un'altra giovane promessa del Motorsport cefaludese è Antonio Damiani, che dopo aver debuttato sugli asfalti siciliani nel 2018 disputando qualche cronoscalata, quest'anno ha in progetto un piccolo programma che lo vedrà al via di alcune gare della coppa italia di zona, e per l'occasione dividerà l'abitacolo della sua Citroen C2 R2B, curata dalla Factory Ennese LB Tecnorally, con l'esperto Giuseppe Livecchi. Altro equipaggio Cefaludese in classe R2B formato da Massimo Portera e Salvatore Mirenda con una Peugeot 208 curata da FG Racing. Altra new entry nella scuderia è l’equipaggio formato dal veterano Matteo Disclafani e dal giovane esperto Filippo Saja a bordo della Peugeot 106 rallye in classe Prod E6, curata dalla Factory Palermitana LRM Motors di Giovanni Tusa. 
Santo Coniglio e Rosario Mirenda saranno presenti a bordo della Renault Clio RS Light in classe Prod S3, curata da Calandra Motori.
Dopo un lungo periodo di stop (15 anni) ritorna sul sedile di sinistra Vincent Mazzola in coppia con Erminia Rizzo sulla performante Fiat Grande Punto RSD 2.0 curata dal Palermitano Andrea Virruso. 
Due sono gli equipaggi iscritti in classe Prod E5, Salvatore Maggio e Alessandro Catanese su Peugeot 205 Rallye, curata da Tony Motorsport e Giuseppe Guercio con Giovanni Spinosa sulla Peugeot 106 Rallye, curata da Autotecnica Racing. 
A poche ore dalla chiusura delle iscrizioni è approdato alla corte del Real Cefalù Reparto Corse il Mussomelese Salvatore "Totò" Farina che affezionato alla cittadina normanna non ha voluto mancare al richiamo degli amici di Cefalù che in coppia con il cefaludese Giuseppe Guercio sarà al via con la sua fidata Peugeot 106 Ralley di classe Prod S2, curata da Gioè Motori per dare spettacolo sulle prove speciali.
Infine in classe Prod S1 con le loro Peugeot 106 Rallye ci saranno Cosimo Pirajno in coppia con Francesco Tamburo, che puntano senza dubbio alla vittoria di classe essendosi aggiudicati le prime 2 edizione della gara cefaludese;
Altro equipaggio cefaludese al via nella classe Prdo S1 a bordo della Peugeot 106 rallye, curata da Autotecnica Racing è quello composto da Adriano Marsala in coppia con Gianluca Tudisco, che si alterneranno alla guida con l'intento di divertirsi in questo primo appuntamento stagionale.
Massimiliano Glorioso porterà i colori della scuderia leggendo le note sulla Renault Clio S1600 con il N°1 sulle portiere condotta da Riccardo Arcieri.
Il Real Cefalù Reparto Corse augura a tutti i propri equipaggi un caloroso in bocca al lupo.
Di seguito l'elenco dei nostri portacolori:  

- Marino Salvatore / Certisi Marcello Renault Clio R3;

- Di Franco Alessio / Cono Merenda Renault Clio Prod E7;

- Serio Giuseppe / Lusco Giuseppe Renault Clio Prod E7;

- Portera Massimo / Mirenda Salvatore Peugeot 208 R2B;

- Damiani Antonio / Livecchi Giuseppe Citroen C2 R2B;

- Coniglio Santo / Mirenda Rosario Clio Prod S3;

- Provenza Antonino / Provenza Mattia Peugeot 106 K10;

- Disclafani Matteo / Saja Filippo Peugeot 106 Prod E6;

- Guercio Giuseppe / Spinosa Giovanni Peugeot 106 Prod E5;

- Maggio Salvatore / Catanese Alessandro Peugeot 205 Prod E5;

- Farina Salvatore / Guercio Giuseppe Peugeot 106 Prod S2;

- Mazzola Vincent / Rizzo Erminia RSD 2.0;

- Pirajno Cosimo / Tamburo Francesco Peugeot 106 Prod S1; 

- Marsala Adriano / Tudisco Gianluca Peugeot 106 Prod S1.

14/03/19. Premiati ad Agrigento Sabatino e Grisanti della Real Cefalù Corse
Prestigiosi riconoscimenti per i piloti di Corleone Antonino Sabatino e l’isnellese Giovanni Grisanti durante la premiazione dei Campionati Siciliani 2018, evento organizzato dalla delegazione Regionale ACI Sport che si è svolta ad Agrigento nella serata di venerdì 8 marzo. 
Giovanni  
Grisanti   a bordo grazie alla sua Autobianchi A112 ha conquistato quello della velocità salita auto storiche 2018 3°Raggruppamento Periodo H2 + classe T1150, mentre Antonino  Sabatino   a bordo della Opel Corsa GSI si è fregiato del titolo di Campione Siciliano 2018 nella categoria Racing Start Plus.

11/03/19. Tutto pronto per il 3° Rally Cefalù Corse
Tutto pronto per il 3^Rally Cefalù Corse , prima gara rallystica che si svolgerà in sicilia in questa nuova stagione. La gara organizzata dalla Cefalù Corse si svolgerà nei giorni 16-17 Marzo. Il via alla manifestazione Sabato 16 con le operazioni di verifica tecnica e sportiva dalle ore 14:30 alle 18:30 presso Cefalù – Bar Eolo Cafè – Porto di Presidiana. La gara invece Domencia 17 sui tracciati delle prove ” Cefalù ” e ” Pollina ” con un totale di 6 PS Speciali ripetendosi tre volte ciascuna:

-PS1 Cefalù 1                  8:41
-PS2 Pollina 1                  9:43
-PS3 Cefalù 2                11:55
-PS4 Pollina 2                12:57
-PS5 Cefalù 3                15:09
-PS6 Pollina 3                16:11

Nell’ultima edizione vinse l’equipaggio S.Lo Cascio – S.Cancemi su una competitiva citroen saxo di classe K10 della Blue Project con un tempo assoluto di 25″46.9. Secondo posto sul podio l’equipaggio D.Morreale – G.Scolaro sulla Renault Clio Williams di classe E7 con un tempo assoluti di 25″55.0 e sull’ultimo gradino del podio l’equipaggio A.Casano – M.Orio sulla Renault Clio di classe S1600 col tempo assoluto di 26″01.1.
Si informano tutti gli interessati che il 3^ Rally Cefalù’ Corse sarà valido come prova di Campionato Siciliano Rally
Si informano tutti i residenti di via Giubileo Magno (strada provinciale Cefalù Gibilmanna) che il transito per domenica 17 marzo sarà chiuso da via Croce Parrino al km 8 della stessa. dalle ore 07:00 alle ore 18:30 la Cefalù corse ringraziara anticipatamente e si scusa per il disagio provocato.

10/03/19. Chiuse le iscrizioni per il 3° Rally Cefalù Corse
Programma del 3° Rally di Cefalù
Iscrizioni Apertura Cefalù 15 febbraio 2019 8:00
Chiusura Cefalù 8 marzo 2019 18:00

Road Book - Distribuzione Cefalù – Bar Eolo Cafè 16 marzo 2019 9:00 – 12:30
Pre-Verifiche Porto di Presidiana
Ricognizioni 16 marzo 2019 9:00 – 13:00
Targhe e numeri di gara Cefalù – Bar Eolo Cafè 16 marzo 2019 9:00 – 12:30 / 14:30 – 18:00. Porto di Presidiana
Prima riunione Collegio c/o Direzione Gara 16 marzo 2018 14:00
Commissari Sportivi
Verifiche sportive ante-gara Cefalù – Bar Eolo Cafè 16 marzo 2019 14:30 – 18:00 Porto di Presidiana
Verifiche tecniche ante-gara Cefalù 16 marzo 2019 15:00 – 18:30 Porto di Presidiana

Pubblicazione vetture e conc/cond ammessi 16 marzo 2019 19:00
Briefing Cefalù – Palco Partenza 17 marzo 2019 8:30

Partenza
Parco partenza Cefalù 17 marzo 2019 7:30 - 8:00  Via Lungomare Giuseppe Giardina
Partenza Cefalù 17 marzo 2019 8:30  Via Lungomare Giuseppe Giardina

Arrivo Cefalù - 17 marzo 2019 17:45  Via Lungomare Giuseppe Giardina

Pubblicazione elenco vetture in verifica 17 marzo 2019 17:00
Verifiche tecniche Officina G.C. di Glorioso e Culotta 17 marzo 2019 18:00
post-gara Via Roma 145 – Cefalù

Pubblicazione Classifiche c/o Direzione Gara 17 marzo 2019 19:00
Premiazione c/o Palco d’Arrivo 17 marzo 2019
Direzione e Segreteria di gara Hotel Riva del Sole 16 marzo 2019 9:00 – 19:30
Sala Stampa Cefalù – Via Lungomare 17 marzo 2019 7:30 – 20:00
Albo Ufficiale di gara Giuseppe Giardina, 25
Parco chiuso Cefalù – Via Lungomare Giuseppe Giardina

 

10/03/19. Automodellismo. Modellini elettrici radiocomandati.
Lungomare di Cefalù.
FOTO e VIDEO

02/03/19. Il Rally Cefalù Corse inaugura la stagione siciliana
Il calendario dell’isola si apre il 16 e 17 marzo ancora una volta con l’apprezzata gara che vede al suo fianco il comune della “Perla del Tirreno” patrimonio UNESCO e quello di Pollina, oltre alla 2Gem. Start e traguardo sul lungomare cefaludese. Iscrizioni aperte fino all’8 marzo. 
Il 3° Rally Cefalù Corse inaugurerà la stagione sportiva ed il Campionato Siciliano nei giorni 16 e 17 marzo prossimi. Gli organizzatori della Cefalù Corse, dopo il successo delle due prime edizioni, per il 2019 hanno trovato ancora maggiore appoggio ed un ulteriore impulso energetico dai più entusiasti partner: il Comune di Cefalù, il Comune di Pollina e la 2Gem, azienda leader negli schermi a led. Le iscrizioni sono in corso e chiuderanno venerdì 8 marzo.
Il Rally Cefalù è nato e cresce su un territorio tra i più apprezzati e visitati, grazie al Patrimonio UNESCO della cittadina “Perla del Tirreno” alle sue meraviglie storico - artistico - culturali ed alle sue tradizioni, come Pollina, il caratteristico centro ricco anch’esso di storia, cultura e tradizione, arroccato sulla montagna che si affaccia sull’azzurro del Mar Tirreno a nord e sulle Madonie a sud, attorniato da un paesaggio altamente suggestivo in un territorio ad alta vocazione turistica. Alle due realtà pubbliche incastonate in un territorio tra i più noti del mondo, si affianca nuovamente 2Gem, l’azienda toscana leader nel campo degli schermi a Led. Un mix perfetto che cattura equipaggi e pubblico in un periodo dell’anno che permette di vivere e scoprire i luoghi sotto una luce particolare.
l

Re