C

 HOME  scrivi a: info@cefalusport.it

   AUTOMOBILISMO 2023.
 
Automobilismo 2009  - Automobilismo 2010 - TARGA FLORIO 2010 -  Automobilismo 2011
Automobilismo 2012 - Automobilismo 2013 - Automobilismo 2014 -  Automobilismo 2015
Automobilismo 2016 -
Automobilismo 2017 - Automobilismo 2018
- Automobilismo 2019-
Automobilismo 2020 - Automobilsmo 2021 - Automobilismo 2022 -

13/10/2023. Annullato il 5° Rally Cefalù Corse
L’organizzazione del 5° Rally Cefalù Corse previsto per i giorni 21 e 22 ottobre, ne annuncia l’annullamento per il 2023.
La decisione è stata presa dallo staff organizzatore a seguito delle criticità riscontrate dopo una riunione con le autorità preposte e le oggettive difficoltà riscontrate sulle strade interessate dalla manifestazione.
Tali criticità sono legate ad aspetti di sicurezza a seguito degli incendio che hanno devastato il territorio a fine settembre.
Le criticità sulla sicurezza sarebbero per il pubblico e per gli equipaggi e metterebbero a rischio il sereno svolgimento della gara. La Sicurezza è prerogative delle gare ACI Sport, perfettamente condivisa dalla Cefalù Corse, organizzatore della competizione.
Appuntamento al 2024 con l’auspico che le condizioni del territorio tornino al consueto splendore.
Lo staff della Cefalù Corse
 

06/05/2023. Crugnola vince la 107^ targa Florio. Secondo Basso, Marco Runfola terzo
Andrea Crugnola e Pietro Ometto hanno vinto la 107^ Targa Florio su una Citroen C3 col tempo totale di 57'30.8. Al secondo posto Giandomenico Basso e Lorenzo Granai su Skoda Fabia RS col temo 57'51.7 Grandissima prova di Marco Runfola e Corinne Federighi, coppia cefaludese, su Skoda Fabia RS col tempo 57'59.1 che si piazzano al terzo posto della classifica generale.

Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto sono gli eroi della 107^ Targa Florio. Al termine di una prestazione impeccabile l’equipaggio campione d’Italia in carica ha conquistato per la seconda volta in carriera il prestigioso trofeo nella corsa più antica del mondo organizzata dall’Automobile Club Palermo con la collaborazione dell’Automobile Club d’Italia, inserendo il loro nome in un Albo d’Oro che include i più grandi campioni di sempre.

Una gara di supremazia, un controllo totale, una sintonia completa con la Citroen C3 Rally2 iscritta con i colori di Easi Srl. Come si racconta nelle più emozionanti storie di motori che si sposano perfettamente con il fascino e il prestigio della Targa Florio, Crugnola non ha sbagliato: ha spinto, ha costruito il margine, ha gestito orientato all’unico obiettivo di alzare nuovamente la Targa Florio che prosegue una storia centenaria fatta di motori e passione. Così alla presenza del Sindaco di Termini Imerese Maria Terranova e dei vertici di ACI Sport con il Direttore Generale di ACI Sport Marco Rogano, Crugnola ha alzato al cielo la sua soddisfazione sullo splendido Belvedere Principe di Belmonte.

“Era fondamentale vincere la prima gara a coefficiente 1.5 e raggiungere la terza vittoria consecutiva – ha commentato Crugnola al traguardo – ma non è stato facile, non esiste una vittoria facile. Abbiamo attaccato dove sapevamo di poterlo fare, siamo stati intelligenti a gestire quando abbiamo potuto farlo, ma anche questa volta è stata una vittoria corale. Grazie a tutto il team, a F.P.F. che ha gestito alla perfezione la vettura, ad Easi Srl, a Pirelli a Pietro sempre impeccabile e a tutti quelli che ci hanno sostenuto. Siamo estremamente soddisfatti”.

Crugnola ha messo la sua firma su cinque delle nove prove speciali in programma, lasciandone due a Giandomenico Basso, e una a testa per Fabio Andolfi e Marco Runfola, un terzetto che ha tenuto alte le palpitazioni dei cuori per la conquista delle posizioni sul podio.

Al termine di questa appassionante sfida sulle speciali madonite il secondo posto è andato a Giandomenico Basso e Lorenzo Granai con la nuova Skoda Fabia RS della Scuderia Movisport che dopo essere stati in lotta con Crugnola in avvio, separati di pochi decimi, hanno dovuto rimontare un distacco più pesante a causa di un problema con lo sgancio del freno a mano e si sono fermati a 20.9 secondi dai vincitori.

Ovazione del pubblico di casa per il cefaludese Marco Runfola navigato da Corinne Federighi che su Skoda Fabia Rally2 Evo della Island Motorsport ha chiuso terzo a 28.3 secondi. Il trentanovenne si è ritagliato uno spazio tra i grandi dapprima vincendo la PS4 Cefalù e poi salendo al secondo posto, salvo poi cedere al ritorno di Basso nel finale. Una soddisfazione impagabile per tutto il motorsport siculo che ha seguito la gara di Runfola con trepidazione sperando di rivedere un pilota locale sul podio come non accadeva dal 2018 con la vittoria di Andrea Nucita.

“Non ce lo aspettavamo di certo – ha commentato un visibilmente emozionato Runfola al traguardo – Per me che faccio una gara all’anno l’obiettivo era arrivare in fondo nei primi dieci, quando abbiamo guardato la classifica alla fine del primo giro non ci credevamo nemmeno noi, davvero. Abbiamo cercato di tenere il ritmo, la vettura era perfetta quindi un grazie grande va al team, a chi ci ha messo a disposizione la macchina e a Corinne che pur non essendo navigatrice di professione è stata davvero perfetta”.

Appena sotto il podio hanno quindi chiuso Fabio Andolfi e Nicolò Gonella su Skoda Fabia Rally2 Evo (Scuderia La Superba) che hanno disputato una bella gara. Il podio è sfuggito loro per soli 2 secondi ma nelle fasi finali della corsa il savonese è stato bravo a difendersi dagli attacchi del compagno di colori Bostjan Avbelj, navigato da Damjan Andrejka, che ha tagliato il traguardo al quinto posto staccato di 32.5 con un’altra Skoda Fabia Rally2 Evo ed ha conquistato la classifica del Campionato Italiano Rally Promozione.

A completare i dieci sono state le Skoda Fabia Rally2 di Damiano De Tommaso e Sofia D’Ambrosio, sesti a 43.5’’ e di Ivan Ferrarotti e Massimo Bizzocchi, secondi di Promozione e settimi assoluti a 1’14.9. Giacomo Scattolon e Sauro Farnocchia hanno chiuso ottavi a 1’23.1 con la Volskwagen Polo GTi R5, noni Andrea Mazzocchi e Silvia Gallotti su Citroen C3 Rally2 a 1’37.3, decimi Antonio Rusce e Martina Musiari su Skoda Fabia Rally2 Evo a 1’42.2.

Non c’era miglior modo per debuttare nella stagione 2023 per i giovani equipaggi del Campionato Italiano Assoluto Rally Junior, con un round d’apertura molto combattuto sulle strade della leggenda. Alla fine a spuntarla è stato Davide Pesavento, in abitacolo con Marco Frigo, il più costante degli equipaggi di ACI Team Italia. La bagarre tra i giovani azzurrini è stata spettacolare con ben quattro equipaggi a vincere le diverse prove. La prima in particolare, la power stage, è andata a Igor Iani e Puliani Nicola, che hanno poi chiuso ad un soffio dal primo posto con 1.8” di ritardo. Nella top3, per un nulla, ci finisce poi Riccardo Pederzani, anche lui più equilibrato rispetto all’arrembante pilota locale Salvatore Pio Scannella che però, nonostante tanti scratch, paga alla bandiera a scacchi 7 decimi sul podio.
Gianandrea Pisani ha inanellato la terza vittoria consecutiva nel CIAR Due Ruote Motrici, conquistando sulle strade sicane il primo posto con Simone Brachi. Una gara solida quella del pietrasantino, che ha tenuto le redini della classifica riservata alle tutto avanti dall’inizio alla fine. Visti i ritiri di Di Pietro e Santero la strada per la medaglia d’argento s’è fatta in discesa per Moreno Cambiaghi, che accompagnato alle note da Giulia Paganoni dopo le prime battute, già combattute, ha gestito il buon vantaggio di 20” nei confronti degli inseguitori. Sul gradino più basso del podio sono saliti infine Fabio Farina e Gabriele Zanni, che vincono il serratissimo duello con “Lucchesi Jr” solamente sui chilometri finali di speciale dopo una gara tutta in crescendo, tutti su Peugeot 208 Rally4.
Il re della Suzuki Rally Cup conquista anche la Sicilia e porta a casa nuovamente il bottino pieno di punti. Vince ancora una volta infatti Matteo Giordano, campione in carica con Manuela Siragusa, e convince con 30” di vantaggio su tutti con 7 prove vinte su 9. Dopo aver saltato Alba Roberto Pellà torna in ballo per il principale ruolo di antagonista, centrando la seconda posizione con Luca Franceschini. Vera bagarre poi tra i giovanissimi under delle vetture nipponiche, con Dallapiccola che sul finale vince due scratch ma con Alessandro Forneris che, in coppia con Luigi Cavagnetti, si porta a casa il terzo posto e la testa della classifica under25. Pesa in questo senso il ritiro nella prova finale di Samuele Santero.
In alto i colori della Trinacria nella Coppa Rally di 8^ Zona con il bis del palermitano Marco Pollara navigato da Maurizio Messina su Skoda Fabia Rally2 Evo della CST Sport. Gara a senso unico per Pollara che ha vinto tutte le prove speciali, ma non per questo sfida poco emozionante dato che la battaglia per il podio è stata oltremodo avvincente e si è giocata sui decimi di secondo. Al termine sul secondo gradino del podio sono saliti gli agrigentini Maurizio Mirabile e Calogero Calderone con l’aggressiva Renault Alpine A110 sempre della CST Sport, avanti per soli due secondi sul compaesano Agostino Craparo affiancato dal nisseno Giovanni Lo Verme su una sempreverde Mitsubishi Lancer IX della RO Racing. Quarto posto per i messinesi Carmelo Galipò e Tino Pintaldi autori di una decisa rimonta su Skoda Fabia Rally2 Evo (Nebrosport) staccati da Craparo di appena 6 decimi.
A completare i primi dieci sono stati Antonio Damiani e Giuseppe Li Vecchi primi fra le Rally4 con la Peugeot 208 Ro Racing e quinti assoluti. Sesta piazza per Antonio e Mattia Provenza (Ro Racing), anche loro più efficaci nella seconda parte di gara su Skoda Fabia Rally2 Evo mentre dalla settima alla decima posizione si sono piazzati Rosario Cannino e Giuseppe Buscemi (Team del Mago), Dino Nucci e Ivan Rosato (Phoenix), Giovanni Barreca e Luigi Aliberto (Island Motorsport), Kevin Caccamisi e Gabriele La Placa (Scuderia Subeam), tutti sulle Peugeot 208 del Leone.
Finale al cardiopalma per la Targa Florio Historic Rally valida per il Campionato Italiano Rally Auto Storiche. Il collesanese Pierluigi Fullone navigato da Alessandro Failla, su BMW M3 della Island Motorsport era al comando dopo aver battuto anche la sfortuna forte di un recupero mozzafiato al seguito della riparazione di un ammortizzatore. Sul penultimo tratto cronometrato un problema meccanico l’ha però messo fuori gioco permettendo ai palermitani Natale Mannino e Calogero Messineo di conquistare la migliore prestazione e il successo di 3° Raggruppamento con la Porsche 911 Carrera SC della RO Racing. Una grande soddisfazione per loro, per la prima volta davanti a tutti nella gara di casa al termine di una prestazione che, anche con Fullone in gara, li ha visti comandare le operazioni nelle prime fasi.
“Sono commosso per aver vinto la mia prima Targa Florio – ha commentato Mannino al traguardo senza nascondere tutta la sua gioia – Ho partecipato tante volte alla Targa, per tutti noi piloti siciliani resta il grande sogno e questa volta si è avverato. Siamo partiti forte, ci abbiamo creduto e alla fine siamo qui a festeggiare. Grazie a tutti, è un momento davvero bellissimo”.
Secondo riferimento assoluto per Matteo Musti e Francesco Granata, su Porsche 911 Carrera RS della MRC Sport che hanno primeggiato in 2° Raggruppamento e tentano la fuga in campionato. Applausi a scena aperta per Matteo Luise e Melissa Ferro su Fiat Ritmo 130 Abarth del Team Bassano. Il veneto, ex pilota Grifone negli anni Novanta, ha piazzato un tempo stratosferico sull’ultima speciale che le vetture storiche hanno disputato a fari accesi. Grazie a questo colpo di reni finale che conferma il suo valore, Luise è salito fino alla terza posizione dell’ipotetica classifica assoluta meritando il successo nel 4° Raggruppamento. Nel 1° Raggruppamento la vittoria ha premiato Antonio Parisi e Giuseppe d’Angelo su Porsche 911 SC per la Scuderia dei Rododendri.
Nella Targa Florio Historic Regularity Rally, terzo appuntamento del Campionato Italiano Regolarità a Media, per la prima volta nella gara sicula, vittoria di Marco Gandino e Carlo Merenda su Fiat Ritmo 130 TC che hanno comandato le operazioni nel corso di tutta la sfida e si sono aggiudicati anche il 5° Raggruppamento. Secondo posto per Paolo Concari e Cristiano Androvandi su Lancia Delta HF 4WD, terzo per i veronesi Nicola Manzini e Roberto Ricci su Lancia Beta Coupè che hanno primeggiato in 4° Raggruppamento, tutti e tre portacolori della Scuderia del Grifone. In 3° Raggruppamento successo per Crugnola-Mentasti su Lancia Fulvia Coupè della Milano Autostoriche, Giovanni e Marzia Veneziano hanno primeggiato in 2° Raggruppamento su POrsche 356C della Messina Classic Team, mentre il 1° Raggruppamento è andato a Liberatore-Cartesi su Alfa Romeo 1900 Super nuovamente per la Scuderia del Grifone. Da segnalare che al via della gara era iscritto anche il Presidente dell’Automobile Club d’Italia Ing. Angelo Sticchi Damiani che ha partecipato con una Fiat Abarth 124 chiudendo nono assoluto e terzo di 4° Raggruppamento.

CLASSIFICA ASSOLUTA 107^ TARGA FLORIO: 1. Crugnola-Ometto (Citroen C3) in 57’30.8; 2. Basso-Granai (Skoda Fabia RS) a 20.9; 3. Runfola-Federighi (Skoda Fabia 2 Evo) a 28.3; 4. Andolfi-Gonella (Skoda Fabia 2 Evo) a 30.3; 5. Avbelj-Andrejka (Skoda Fabia 2 Evo) a 32.5; 6. De Tommaso-D’Ambrosio (Skoda Fabia 2 Evo) a 43.5; 7. Ferrarotti-Bizzocchi (Skoda Fabia 2 Evo) a 1’14.9; 8. Scattolon-Farnocchia (Volkswagen Polo GTI) a 1’23.1; 9. Mazzocchi-Gallotti (Citroen C3) a 1’37.3; 10. Rusce-Musiari (Skoda Fabia 2 Evo) a 1’42.2

CLASSIFICA TARGA FLORIO RALLY HISTORIC: 1. Mannino-Messineo (Porsche 911 Carrera SC) in 1:05’11.2; 2. Musti-Granata (Porsche 911 Carrera RS) a 33.2; 3. Luise-Ferro (Fiat Ritmo 130 Abarth) a 1’53.9; 4. Picciurro-Picciurro (Porsche 911 Carrera RS) a 1’59.4; 5. Nucera-Gibellini (Porsche 911 Carrera RS) a 2’07.1; 6. De Bellis-Soriani (Porsche 911 Carrera SC) a 2’39.4; 7. Lo Presti-Biglieri (Porsche 911 Carrera SC) a 4’27.9; 8. Mariotti-Sanesi (Ford Sierra RS Cosworth) a 4’37.6; 9. Anziliero-Anziliero (Ford Escort RS) a 5’32.6; 10. Giudicelli-Torricelli (Volkswagen Golf GTI 1.6) a 8’50.8

CLASSIFICA COPPA RALLY DI ZONA: 1. Pollara-Messina (Skoda Fabia 2 Evo) in 38’03.9; 2. Mirabile-Calderone (Renault A110) a 2’32.1; 3. Craparo-Lo Verme (Mitsubishi Lancer IX) a 2’34.1; 4. Galipo’-Pintaudi (Skoda Fabia) a 2’34.7; 5. Damiani-Livecchi (Peugeot 208 Gt Line) a 2’51.7; 6. Provenza-Provenza (Skoda Fabia) a 3’03.8; 7. Cannino-Buscemi (Peugeot 208 VTI) a 3’07.8; 8. Nucci-Rosato (Peugeot 208 VTI) a 3’32.5; 9. Barreca-Aliberto (Peugeot 208 Gt Line) a 3’45.0; 10. Caccamisi-La Placa (Peugeot 208 Gt Line) a 3’47.6

CLASSIFICA TARGA FLORIO HISTORIC REGULARITY RALLY: 1. Gandino-Merenda (Fiat Ritmo 130 Abarth) pen. 549; 2. Concari-Androvandi (Lancia Delta HF 4WD) pen. 701; 3. Manzini-Ricci (Lancia Beta Coupè) pen. 736; 4. Keller-Ambrogi (Audi Quattro) pen. 936; 5. Verdona-Fagliano (Peugeot 205 1.6 GTI) pen. 1395; 6. Crugnola-Mentasti (Lancia Fulvia Coupe) pen. 1849; 7. Liberatore-Cartesi (Alfa Romeo 1900 Super) pen. 2329; 8. Regalia-Regalia (Porsche 944) pen. 2543; 9. Sticchi Damiani-Serri (Fiat 124 Abarth) pen. 2591; 10. Colombo-Guerrucci (Porsche 911 Targa) pen. 2850
Fonte:cefalunews

06/05/2023. Partita la 107esima Targa Florio: Andrea Crugnola primo leader dopo la PS1

Un contesto unico nel suo genere dove la Targa Florio è stata accolta da un altissimo numero di appassionati. Festa e applausi per i 209 equipaggi che hanno preso il via di questo appuntamento valido per il Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco, primo round del Campionato Italiano Assoluto Rally Juniorc. A completare le titolazioni tricolori anche il Campionato Italiano Rally Auto Storiche, la Coppa Rally di 8^ Zona e il Campionato Italiano Regolarità a Media. Con la Targa Florio ha preso il via anche il Campionato Regionale promosso dalla Delegazione ACI Sport Sicilia.

Presente sulla pedana di partenza anche il Sindaco della Città Metropolitana di Palermo Roberto Lagalla, che ha espresso parole di forte sostegno ad una gara leggendaria come la Targa Florio, e il Presidente dell’Automobile Club d’Italia Ing. Angelo Sticchi Damiani, in gara con una Fiat 124 Abarth nella regolarità a media.

Dopo lo start, il CIAR Sparco e il rally storico hanno acceso i motori per la prima speciale, intitolata all’indimenticato Preside Volante Nino Vaccarella. Qui, in diretta televisiva nazionale, Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto hanno piazzato il graffio vincente andando subito in testa con la Citroen C3 Rally2. Secondo tempo per Damiano De Tommaso, vincitore nel 2022, navigato da Sofia D’Ambrosio su Skoda Fabia Rally2 Evo staccato di 0.6 decimi. Terzo miglior tempo a 1.2 secondi per Giandomenico Basso e Lorenzo Granai che portano all’esordio nel tricolore rally la nuovissima Skoda Fabia RS Rally2. A completare i primi cinque sono Luca Bottarelli e Walter Pasini, quarti a 1.3 secondi, e gli sloveni Bostjan Avbelj con Damijan Andrejka a 1.4 secondi, entrambi su Skoda Fabia Rally2 Evo.

Foto: Crugnola - Ometto su Citroen C3 Rally2

Tra i siciliani miglior piazzamento dopo questo primo tratto cronometrato per Alessio Profeta e Rosario Merendino su Skoda Fabia Rally2 Evo della RO Racing. Il pilota palermitano è a 2.2 dai leader. Top ten anche per il cefaludese Marco Runfola, navigato da Corinne Federighi, che ha portato la sua Skoda Fabia Rally2 Evo al decimo posto per i colori della Island Motorsport.

Al fianco del tricolore maggiore hanno fatto il loro debutto stagionale i giovani equipaggi di ACI Team Italia, 11 in tutto al via della Targa Florio, in corsa per il primo atto del Campionato Italiano Assoluto Rally Junior. Tra tanti debuttanti al volante delle Renault Clio Rally 5, unicamente gestite da Motorsport Italia e gommate Pirelli, il miglior crono è andato all’ossolano Igor Iani, uno dei più esperti, navigato da Nicola Puliani, che ha strappato un crono impressionante in 1’29.3. Ottimo tempo che gli ha concesso un vantaggio di oltre 1’’ su tutti i rivali della serie giovanile. Tra i più vicini, in seconda posizione Davide Pesavento e Marco Frigo a 1.2’’, seguito da Marco Zanin con Massimo Moriconi a 1.7’’. Il quarto miglior crono è stato siglato da un ragazzo locale, appena 21enne, il nisseno Salvatore Scannella con Carmelo Galipò a 1.9’’.

La prima prova ha proposto un confronto più equilibrato per quanto riguarda la categoria Due Ruote Motrici. A partire meglio di tutti, anche in questo caso, sono stati i capoclassifica del tricolore Gianandrea Pisani e Simone Brachi sulla Peugeot 208 Rally4, ma il loro distacco sui diretti avversari è rimasto contenuto attorno al decimo di secondo. Appena 0.130 il vantaggio sul secondo classificato Moreno Cambiaghi, navigato da Giulia Paganoni, mentre al terzo posto si sono piazzati Gabriel Di Pietro ed Andrea Dresti a 0.186, anche loro a bordo della vettura francese come tutti gli altri equipaggi iscritti alla serie cadetta.

Si respira aria di casa nella sfida tra le vetture storiche. Il palermitano Natale Mannino con Calogero Messineo è in testa con la Porsche 911 Carrera SC di 3° Raggruppamento. Alle loro spalle la BMW M3, di 4° Raggruppamento, del collesanese Pierluigi Fullone con Alessandro Failla a 1.8 secondi. Terza piazza per i toscani Riccardo De Bellis e Christian Soriani su Porsche 911 Carrera SC a 3.9 secondi e secondi di 3° Raggruppamento.

Nella regolarità a media dopo le prove della prima giornata in testa alla classifica figurano Marco Gandino e Carlo Merenda su Fiat Ritmo 130 Abarth. Seconda posizione per Paolo Concari e Cristiano Androvandi su Lancia Delta 4WD. Terza prestazione per Nicola Manzini e Roberto Ricci su Lancia Beta Coupè, tutti equipaggi della Scuderia del Grifone.

Domani, sabato 6 maggio, il CIAR Sparco ripartirà presto, alle 7:00: è infatti prevista l’uscita dal riordino notturno. La seconda tappa includerà 8 prove speciali. Aprirà la PS “Targa” alle 7:52 con a seguire la nuova “Lascari-Gratteri” alle 8:55. A chiudere il giro del mattino la “Cefalù” alle 9:20. I concorrenti scenderanno quindi a Termini Imerese per la prima assistenza a ripeteranno lo stesso giro che le prove nello stesso ordine alle 12:25, 13:28 e 13:53. Secondo service e poi ultime due prove con la “Vincenzo Florio” alle 16:58, versione corta della “Targa” ed un terzo giro sulla “Lascari-Gratteri” alle 18:01. Arrivo al Belvedere Principe di Belmonte di Termini Imerese dalle 19:00. Primi arrivi saranno quelli della Targa Florio Historic Regularity Rally alle 16.15, seguiti dal CRZ alle 17.15.

Importantissima copertura televisiva a diffusione nazionale durante tutta la giornata. I collegamenti inizieranno alle 7:45 con la PS2 “Targa” e proseguiranno come segue: 9:20 PS4 “Cefalù”, 10:05 Studio Riordino Live con i protagonisti, 12:20 PS5 “Targa”, 13:28 PS6 “Lascari-Gratteri”, 14:40 Studio Riordino Live ancora con le voci dei piloti, 18:00 PS9 “Lascari-Gratteri” e dalle 19:00 l’arrivo finale.

CLASSIFICA ASSOLUTA DOPO SS1: 1. Crugnola-Ometto (Citroen C3 Rally2) in 1'17.781; 2. De Tommaso-D'Ambrosio (Skoda Fabia Rally2 Evo) a 0.681; 3. Basso-Granai (Skoda Fabia RS Rally2) a 1.218; 4. Bottarelli-Pasini (Skoda Fabia Rally2 Evo) a 1.363; 5. Avbelj-Andrejka (Skoda Fabia Rally2 Evo) a 1.459; 6. Andolfi-Gonella (Skoda Fabia Rally2 Evo) a 1.806; 7. Profeta-Merendino (Skoda Fabia Rally2 Evo) a 2.210; 8. Ferrarotti-Bizzocchi (Skoda Fabia Rally2 Evo) a 2.284; 9. Scattolon-Farnocchia (Volkswagen Polo GTI) a 2.430; 10. Runfola-Federighi (Skoda Fabia Rally2 Evo) a 2.650

CLASSIFICA CIAR JUNIOR DOPO SS1: 1. Iani-Puliani (Renault Clio) in 1'29.353; 2. Pesavento-Frigo (Renault Clio) a 1.283; 3. Zanin-Moriconi (Renault Clio) a 1.763; 4. Scannella-Galipo' (Renault Clio) a 1.947; 5. Pederzani-Brovelli (Renault Clio) a 2.409; 6. De Ceci-Lazzarini (Renault Clio) a 3.219; 7. Doretto-Budoia (Renault Clio) a 4.128; 8. Nerobutto-Nerobutto (Renault Clio) a 5.368; 9. La Notte-Zaramella (Renault Clio) a 5.706; 10. Gudenzi-Demontis (Renault Clio) a 10.946; 11. Peduzzi-Gabriel (Renault Clio) a 14.442;

CLASSIFICA DUE RUOTE MOTRICI DOPO SS1: 1. Pisani-Brachi (Peugeot 208 Gt Line) in 1'25.317; 2. Cambiaghi-Paganoni (Peugeot 208 Gt Line) a 0.130; 3. Di Pietro-Dresti (Peugeot 208 Gt Line) a 0.186; 4. Santero-Grimaldi (Peugeot 208 Gt Line) a 1.163; 5. '''Lucchesi Jr'''-Lombardi (Peugeot 208 Gt Line) a 1.224.

CLASSIFICA RALLY STORICO DOPO SS1:. Mannino-Messineo (Porsche 911 Carrera SC) in 1'26.600; 2. Fullone-Failla (BMW M3) a 1.800; 3. De Bellis-Soriani (Porsche 911 Carrera SC) a 3.900; 4. Farris-Spagnoli (Porsche 911 Carrera SC RS) a 5.100; 5. Luise-Ferro (Fiat Ritmo 130 Abarth) a 5.500;

04/05/2023. Domani il via della 107^ Targa Florio
L’atteso appuntamento entrerà nel vivo con la sontuosa cerimonia di partenza in Piazza del Parlamento a Palermo e con la prima prova speciale intitolata a Nino Vaccarella trasmessa in diretta televisiva.

Mancano davvero poche ore all’inizio della 107^ Targa Florio, che entrerà nel vivo domani, venerdì 5 maggio, per una delle edizioni più attese degli ultimi anni.

La gara organizzata dall’Automobile Club Palermo con il supporto diretto dell’Automobile Club d’Italia sarà valida per il Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco, terzo appuntamento, primo round del Campionato Italiano Rally Junior, Campionato Italiano Rally Promozione e Campionato Italiano Due Ruote Motrici, sarà gara inaugurale della Coppa Rally di 8^ Zona, terzo round del Campionato Italiano Rally Auto Storiche e secondo del Campionato Italiano Regolarità a Media.

Dopo che la pandemia aveva spostato le linee della competizione, l’edizione 2023 tornerà ad abbracciare Palermo e lo farà domani, a partire dalle ore 14.30, con i concorrenti del Targa Florio Historic Regularity Rally, nella splendida cornice di Piazza del Parlamento davanti alle gloriose linee del Palazzo dei Normanni. Le vetture sfileranno sulla pedana di partenza che sancirà l’inizio dell’agonismo dopo che i concorrenti delle tre gare rally svolgeranno lo shakedown di domattina in programma  in Contarada Cangemi alle porte di Termini Imerese.

La cerimonia di partenza inizierà con le 45 vetture della Targa Florio Historic Regularity Rally, secondo appuntamento del tricolore regolarità a media per la prima volta sulle strade siciliane. Alle 16:00 sarà la volta delle 66 vetture iscritte al round del CIAR Sparco seguite dai 66 concorrenti del rally storico. La Coppa Rally di Zona, dopo la Cerimonia di partenza palermitana, inizierà le sfide contro il cronometro invece sabato mattina, con start dal parco assistenza di Termini Imerese.

Dopo questo inchino alla città di Palermo in uno dei suoi contesti più spettacolari, i riflettori si sposteranno sulle Madonie per la prima esaltante prova speciale intitolata al mai dimenticato “Nino Vaccarella” che dalle 18.10 sarà trasmessa in diretta televisiva su ACI Sport TV (Canale 228 SKY), su RAI Sport (Canale 58 Digitale Terrestre) e in streaming web e social sui canali del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco. Un intenso condensato di emozioni tra auto moderne e storiche che manderà in visibilio il pubblico presente ed i tanti appassionati collegati da casa.

Ricco il parterre di presenze. Nel CIAR Andrea Crugnola e Pietro Elia Ometto, campioni italiani rally in carica, cercheranno di proseguire la striscia positiva che li ha visti vincere entrambi gli appuntamenti già disputati in questo 2023 con la loro Citroen C3 Rally2. Attenzione a Giandomenico Basso e Lorenzo Granai che porteranno all’esordio nel CIAR la nuova Skoda Fabia RS Rally2, l’ultima arma della casa ceca che ha già fatto molto bene in Europa. Tra i piloti da considerare ci sono Fabio Andolfi e Nicolò Gonella (Skoda Fabia Rally2 Evo) attualmente secondi in classifica, oltre agli sloveni Bostjan Avbelj e Damijan Andrejka (Skoda Fabia Rally2 Evo). Impossibile non parlare di altri due giovanissimi dal piede pesante: Damiano De Tommaso, vincitore alla Targa lo scorso anno che punta a riscattare un inizio di stagione un pò in affanno con la Skoda Fabia Rally2 Evo navigato da Sofia d’Ambrosio. Può fare bene anche Luca Bottarelli con Walter Pasini, rivelazione di questo inizio di stagione (Skoda Fabia Rally2 Evo).

Tra i piloti siciliani obbligatorio partire da Salvatore “Totò” Riolo e Maurizio Marin (Volkswagen Polo GTi R5), uno dei piloti locali più esperti di questa competizione alla luce delle sue oltre 30 partecipazioni. Attesa anche per Angelo Lombardo e Roberto Consiglio vincitori lo scorso anno nell’Historic e quest’anno al via con una Skoda Fabia Rally2 Evo.

Tra le vetture storiche sarà altrettanto avvincente il confronto con molti equipaggi siciliani pronti a difendere l’orgoglio patrio sulle strade madonite. In 4° Raggruppamento il pilota di Collesano Pierluigi Fullone con Alessandro Failla su BMW M3 guiderà la carica dei locali. Attenzione però al duo tosco emiliano Pierangioli-Guzzi su Ford Sierra Cosworth 4X4, il sardo Farris con Spagnolo su Porsche 911 SC ed il pavese Luise navigato da Ferro su Fiat Ritmo 130 Abarth.

Tornando ai siculi onori di casa per Natale Mannino e Calogero Messineo (Porsche 911 SC) attuali leader del 3° Raggruppamento, mentre le grandi attese sono per il vogherese Matteo Musti che navigato da Francesco Granata insegue il tris dopo aver vinto le prime due della serie. Nel 1° Raggruppamento si ripropone la sfida tra le due Porsche 911 S su Palmieri-Zambiasi e Parisi-D'Angelo.

Dopo questo straordinario inizio che regalerà le prime scintille, la gara riprenderà sabato per la tappa più lunga con 8 prove speciali , alla quale si aggiungerà come anticipato anche la Coppa Rally di Zona. Traguardo sul Belvedere di Termini Imerese dalle ore 16.15 sempre con la regolarità ed a seguire tutte la altre gare con premiazione sul palco arrivo. 

04/05/2023. La Targa Florio nel mirino di Angelo Lombardo
Sulle leggendarie strade delle Madonie, teatro del terzo atto stagionale del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco, il pilota di Cefalù, sempre in coppia con il corregionale Roberto Consiglio, proseguirà il proprio apprendistato al volante della Skoda Fabia Rally2 dopo l’incoraggiante prestazione sfoderata al Rally Regione Piemonte, precedente round della massima serie tricolore

(comunicato ufficio stampa Angelo Lobardo)

La nuova sfida sportiva tra le “moderne” del pilota siciliano Angelo Lombardo, già campione del CIR Auto Storiche 2022, vivrà il secondo step stagionale sulle strade “amiche”, in occasione della 107ª Targa Florio, terzo round del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco (CIAR), in scena il prossimo fine settimane lungo i leggendari tornanti delle Madonie. Reduce dal positivo esordio al 17° Rally Regione Piemonte di metà aprile, archiviato con l’ottava piazza conseguita nella speciale classifica riservata agli iscritti del Campionato Italiano Rally Promozione (CIRP), il driver di Cefalù, sempre navigato dal valido corregionale Roberto Consiglio, proseguirà il proprio apprendistato al volante della Skoda Fabia Rally2 gommata Pirelli e curata dall’Erreffe Rally Team. Il portacolori della scuderia RO racing, punterà a migliorarsi nella gara di casa dopo aver raccolto le prime indicazioni utili per il prosieguo della stagione sui selettivi asfalti del Cuneese poco più di due settimane addietro. 

«La trasferta in Piemonte si è rivelata una gran bella esperienza che, tutto sommato, ci ha soddisfatto. Ora, c’è il desiderio di fare ancora meglio dinanzi al nostro pubblico e, ovviamente, in ottica futura» - ha precisato Lombardo alla vigilia - «Pur consapevoli di trovarci solo all’inizio di un percorso formativo appena intrapreso e che c’è ancora tanto da lavorare, proveremo ad approfittare della conoscenza di buona parte del tracciato, fatta eccezione per la prova “Lascari-Gratteri” che, invece, sarà per me del tutto inedita. Obiettivi? Né più né meno di quanto ci eravamo già prefissati prima di Alba: macinare tanti chilometri, fare esperienza ed entrare in piena sintonia con la vettura quanto prima».

Andando al programma della “corsa più antica del mondo”, si inizierà giovedì 4 maggio con le consuete verifiche tecnico-sportive; l’indomani mattina, lo svolgimento dello shakedown (test pre-gara) e a seguire in quest’ordine, nel pomeriggio, la cerimonia di partenza (ore 16,00), allestita presso la centrale Piazza del Parlamento a Palermo e la disputa della prima prova speciale intitolata all’indimenticato “preside volante” Nino Vaccarella. Sabato, infine, un menù ancor più ricco con le rimanenti otto frazioni cronometrate e l’arrivo fissato a Termini Imerese. 

03/05/2023. Presentata la 107^ Targa Florio con 207 iscritti

Presso la sede della Città Metropolitana di Palermo sono stati illustrati i particolari della gara organizzata dall’Automobile Club Palermo con il supporto dell’Automobile Club D’Italia che dal 3 al 6 maggio avrà 5 validità tricolori. Cornice della Partenza il Palazzo dei Normanni

Presentata la 107^ Targa Florio presso la sede della Città Metropolitana di Palermo. Ad illustrare i particolari dell’evento organizzato dall’AC Palermo con il supporto diretto dell’Automobile Club d’Italia sono stati il Presidente ACI Angelo Sticchi Damiani, il Sindaco della Città Metropolitana Roberto Lagalla, il Commissario Straordinario dell’AC palermitano Giovanni Pellegrino ed il Direttore Generale di ACI Sport Marco Rogano, alla presenza della stampa.

La 107^ Targa Florio è terzo appuntamento in calendario del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco,   gara inaugurale del Campionato Italiano Rally Junior, terza sfida per il Campionato Italiano Rally Promozione e Due Ruote Motrici, terzo round di Campionato Italiano Rally Auto Storiche, Campionato Italiano Regolarità a Media, prima stagionale della Coppa Italia Rally 8^ Zona (Sicilia) Tutte le gare hanno validità per il Campionato Siciliano, l’ambìta serie promossa dalla Delegazione ACI Sport regionale.

Sono 216 gli iscritti all’evento, con 66 presenze al CIAR Sparco, 66 anche al CIREAS, 45 alla gara di CRZ e 45 alla Targa Florio Regularity Rally, specialità per la prima volta presente in Sicilia alla leggendaria gara madonita.

La partenza sarà nella sontuosa ed elegante cornice di Palazzo dei Normanni, sede del Parlamento della Regione Sicilia ed inizierà alle 14 di venerdì 5 maggio con i protagonisti della Targa Florio Historic Regularity Rally, seguiranno alle 16 le partenze del Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco e poi il Campionato Italiano Rally Auto Storiche. Alle 18.10 via allo spettacolo in live streaming e diretta su RAI Sport e ACI Sport TV della Prova Speciale “Nino Vaccarella”. Per i concorrenti del CRZ la gara inizierà dal Targa Florio Village, presso l’area industriale di Termini Imerese, alla 9.30 di sabato 6 maggio. Giornata che prevede un intenso programma e con epilogo sul suggestivo Belvedere di Termini Imerese a partire dalle 16.15 con i protagonisti della regolarità, poi gli equipaggi del CRZ dalle 17.15, mentre il Campionato Italiano si concluderà a partire dalle 19.

Alla conferenza, a cui è intervenuta anche Maria Terranova, Sindaco di Termini Imerese, è stato sottolineato il valore storico, culturale e sportivo dell’evento Targa Florio e la comunione di intenti per salvaguardarne lo spirito innovativo e lungimirante proprio del suo ideatore Vincenzo Florio sin dalla prima edizione del 1906.

Tutti presenti i pretendenti al Campionato Italiano Assoluto Rally Sparco ad iniziare dal leader varesino  e Campione in carica Andrea Crugnola che condivide la Citroen C3 con Elia Ometto; il savonese Fabio Andolfi con Nicolò Gonella su Skoda Fabia, l’altro varesino Damiano De Tommaso che sempre su Skoda Fabia, vettura boema con cui vinse in Sicilia nel 2022 ed ora navigato da Sofia D’Ambrosio. Il veneto già campione europeo Giandomenico Basso che sarà affiancato da Lorenzo Granai sulla Skoda Fabia, come il siciliano Angelo Lombardo che con Roberto Consiglio alle note adesso è tra le auto moderne dopo il titolo  tricolore Auto Storiche 2022. Come sempre riflettori puntati sul cerdese Salvatore (Totò) Riolo, vincitore di tre edizioni, che sarà al volante della Volkswagen Polo con Maurizio Marin. Altri siciliani di spicco il palermitano Alessio Profeta ed il cefaludese Marco Runfola, entrambi sulle Skoda Fabia. Esordio stagionale ed inizio del programma “premio” per la vittoria del Campionato Rally Junior 2022 per il messinese Alessandro Casella, sulla inedita Renault Clio in versione Rally3. Tra gli 11 esordienti protagonisti del Campionato Italiano rally Junior giocano in casa il nisseno Salvatore Pio Scannella ed il messinese Francesco Galipò, per tutti stessa vettura: Renault Clio Rally5.

“Continua il supporto diretto di ACI iniziato nel 2013 al fianco dell’AC Palermo per salvaguardare un evento che è patrimonio di tutti e permettere allo stesso di crescere e continuare a guardare al futuro nella terra dove è nato - ha sottolineato il Presidente ACI Angelo Sticchi Damiani - oltre alle confermate validità per le massime serie tricolori rally e per il CRZ promossa dalla Delegazione Regionale, quest’anno ci presentiamo con la novità della regolarità a media. Ho spinto personalmente la presenza della disciplina sempre più diffusa, dopo aver partecipato personalmente al Rally di Montecarlo nella versione regolarità a media, dove ho incontrato concorrenti in arrivo da tutta Europa su auto di grande valore storico e sportivo. La regolarità a media sarà un valore aggiunto perché l’evento guardi verso il futuro anche in questa direzione, oltre che con il rally moderno in tutte le sue declinazioni. ACI ha acquisito il marchio non per caso, ma per investire e far crescere l’evento, del resto lo dobbiamo al suo creatore. Abbiamo l’opportunità di poter dialogare con un Sindaco che ha mostrato dal primo momento una grande attenzione nei confronti della Targa e degli eventi correlati, un dialogo che va coltivato”-.

“Va gratitudine all’ACI ed al suo Presidente per questa confermata di collaborazione e lavoro comune, condivisa pienamente dall’Amministrazione Metropolitana di Palermo - ha affermato il Sindaco Lagalla - l’evento coinvolge l’intera città metropolitana che ne è cornice sin dal 1906, ponendo al centro Palermo intesa come ‘Città Felicissima’.  La Targa Florio rappresenta un evento determinante e per certi versi fondante. Per questo il brand Targa Florio è consustanziale alla città di Palermo ed al territorio delle Madonie. Siamo grati anche per la scelta fatta dall’ACI nel 2013, una scelta impegnativa ma che garantisce continuità all’evento, a cui daremo da parte nostra ogni legittimo ed adeguato supporto in un contesto di leale collaborazione. Siano sicuri che quanto l’Automobile Club sta facendo sul nostro territorio possa farci varcare i confini del nostro territorio nazionale”-.

“Come Commissario di AC Palermo è necessario rivolgere i ringraziamenti ad tutte le parti che rendono possibile continuare la lungimiranza dell’evento - le parole di Giovanni Pellegrino - in particolare il Presidente ACI con la sua presenza ha onorato la Sicilia, terra madre di un evento espressione primaria delle corse e nel pieno rispetto della conservazione di un patrimonio sportivo e culturale quale è da sempre e continuerà ad essere la Targa Florio nel Mondo. Il Direttore Generale di ACI Sport Marco Rogano con il coordinamento dell’organizzazione rende coesa la complessa macchina. La gratitudine di ACOI va a tutte le componenti, dai concorrenti ed i team che rendono onore con la presenza, a tutte le componenti che hanno mostrato di essere concretamente presenti”-.

“La Targa Florio ha un’edizione in più di Indianapolis, è la gara più antica e con più edizioni svolte nella storia - ha evidenziato Marco Rogano - tre giorni di evento con 600 persone impegnate nell’organizzazione. Saranno in totale 514,57 i Km di percorso di gara suddivisi in 9 prove speciali. Nove saranno anche le prove di media della Targa Florio Historic Regularity Rally, su un tracciato complessivo di 448,52 Km ricavato sulle leggendarie strade delle Madonie. Massiccia la copertura mediatica con le dirette RAI Sport e ACI Sport TV, integrate dai continui live streaming. Sono programmati anche servizi dedicati sui quotidiani Gazzetta dello Sport e Corriere dello Sport. Inoltre ringraziamo tutta la stampa siciliana per la particolare attenzione, confermata con la presenza anche a questa conferenza”-.

Si inizia con le verifiche pre gara per le serie tricolori, mercoledì 3 maggio, dalle 9 di giovedì 4 l’apertura del Parco Assistenza in Contrada Canne Masche a Termini Imerese. I motori da corsa si accenderanno venerdì con lo shakedown previsto venerdì 5 maggio nell’intera mattinata dalle ore 8.

20/03/2023. 107^ TARGA FLORIO. Dal 5-7 maggio, partenza dal Palazzo dei Normanni


 

 19/02/2023. A Taormina premiati i campioni siciliani. Angelo Lombardo "Volante d'oro"
Da ACI SPORT SICILIA

Nella stellare serata in diretta tv Premio Vaccarella al presidente del Coni Malagò e a quello della F1 Domenicali e riconoscimenti al pilota della Ferrari Giovinazzi e all’ingegner Adamo, mentre fra i driver dell’isola spiccano i Volanti di Platino e Oro per Minì e Lombardo. A congratularsi con loro e tutti i piloti di automobilismo e karting il Presidente di ACI Sticchi Damiani e il delegato regionale Settimo

 Le Stelle dello Sport più ancora dei riflettori del Pala Congressi di Taormina hanno illuminato la Premiazione dei Campioni Siciliani dell’Automobilismo e del Karting applaudendo i migliori piloti dell’isola nella serata più prestigiosa, organizzata dalla Delegazione Regionale ACI Sport. Al centro della scena, al fianco del presidente dell’ACI Angelo Sticchi Damiani e al delegato regionale Daniele Settimo, il presidente del CONI Giovanni Malagò e l’amministratore delegato della Formula 1 Stefano Domenicali, oltre al pilota della Ferrari Antonio Giovinazzi, all’ingegnere Andrea Adamo e al talento siciliano Gabriele Minì (attraverso un video-messaggio). Tutti hanno “sfilato” insieme ai Campioni Siciliani 2022, celebrando insieme a loro i dovuti riconoscimenti.

Nel tripudio della serata, trasmessa in diretta da ACI Sport TV (Sky 228), hanno risuonato le parole di Malagò e di Domenicali, ai quali è stato consegnato il 2° Premio Nino Vaccarella, con la partecipazione di Giovanni Vaccarella, figlio dell’indimenticabile “Preside Volante”.

“Ho un legame di famiglia con l’auto e l’automobilismo – ha detto il presidente del Coni – ho da sempre ammirato Nino Vaccarella, per cui questo premio mi riempie di emozione”.

Collegato da New York, Domenicali, che dal 2020 è alla guida della F1, ha proseguito: “Ho avuto il piacere dio conoscere Nino Vaccarella e ricevere questo premio è un grande onore. Sono grato al Presidente ACI ed al Delegato/Fiduciario ACI Sport Sicilia ed a Giovanni (Vaccarella). ”.

I momenti di onore si sono susseguiti tra gli applausi e di particolare spicco sono stati quelli dedicati ad Antonio Giovinazzi e Andrea Adamo. Al pilota della Ferrari che sta preparando l’esordio nel Mondiale Endurance con la nuova 499P Hypercar è stato tributato il premio “Uno di Noi”, che il driver pugliese ha ritirato insieme ad Antonello Coletta, capo della divisione corse clienti a Maranello: -“E’ un inizio di stagione elettrizzante per il lavoro che stiamo svolgendo – ha dichiarato Giovinazzi – Grazie per questo premio. Sarà una stagione molto interessante, il mio primo impegno sarà quello del Wec. È una sfida e per me sarà un onore riportare insieme ai miei compagni il Cavallino Rampante nel mondo endurance, ritornare a Le Mans dopo cinquant’anni nella categoria principale. Ho fatto tantissimi test, fra un mese ci sarà la prima gara siamo gli ultimi ad arrivare in corsa al campionato ma cercheremo di dare il massimo con tanti impegni importanti”-.

Applausi a scena aperta per i piloti siciliani, con in testa Minì, vincitore del Volante di Platino e presente con un video-messaggio dal Bahrain, dove è impegnato nei test di F.3.

Il Volante d’Oro è di Angelo Lombardo, il cefaludese campione Italiano Rally Auto Storiche su Porsche, Volante D’argento per il giovane pilota siracusano di velocità montagna e Under tricolore Luigi Fazzino, mentre il volante di Bronzo all’etneo Campione Italiano Slalom Michele Puglisi.

Il Campione Italiano Rally Junior Alessandro Casella ha ricevuto il Premio Pilota dell’Anno ed il premio ACI Sport con il navigatore Rosario Siragusano.

Tra i numerosi premi consegnati anche il Premio “Ninni Mulè” per gli Ufficiali di Gara, che proprio Giuseppe, figlio del mai dimenticato Commissario di Percorso, ha consegnato all’Associazione “Ciccio La Delfa”.

-“Una festa di sport che la Delegazione ACI Sport Sicilia ha dedicato ai Campioni dell’isola, impreziosita dai prestigiosi ed esclusivi ospiti e dalla presenza del Presidente ACI Angelo Sticchi Damiani – ha affermato Settimo – stasera si è concretizzato il lavoro che tutto lo staff della Delegazione svolge con passione da alcuni mesi. Adesso attendiamo nuovi successi dai nostri bravi driver”-.

Sul sito www.acisportdelegazionesicilia.it disponibili gli elenchi di tutti i premiati, è anche possibile iscriversi alla newsletter per rimanere costantemente informati su tutte le novità della Delegazione.